Videopoker: la legge che non soddisfa Regioni e Comuni. Il sindaco di Trepuzzi: “Un paradosso”.

0
384

SlotTrepuzzi (Le) – È di questi giorni la notizia che il Governo avrebbe avanzato un piano d’azione contro la ludopatia e la dipendenza dal gioco d’azzardo. L’emendamento, votato nei giorni scorsi dalla maggioranza al Senato, è solo un maldestro tentativo, da parte dell’esecutivo, di correre ai ripari, viste le conseguenze allarmanti dopo la liberalizzazione dei videopoker, spuntati come funghi in ogni angolo di piccole e grandi città, ma che di fatto penalizza i Comuni e le Regioni, che da tempo hanno avviato delle iniziative contro il gioco d’azzardo con apposite leggi e regolamenti. 

La norma, approvata dal Parlamento, prevede una riduzione dei trasferimenti statali ai comuni che sostengono dei progetti volti al contrasto del gioco d’azzardo.

È il caso del comune di Trepuzzi, che il 30 Novembre scorso ha approvato una riduzione del 30% sulla TARES, per tutti gli esercenti che avrebbero eliminato le macchinette mangia soldi.  “Una decisione – afferma il sindaco Oronzo Valzano – votata dal consiglio comunale, non dalla mia maggioranza, precisa il sindaco. Anche la città è pienamente d’accordo con la nostra iniziativa, per cui andremo avanti per la nostra strada, anche se lo Stato deciderà di bloccarci i trasferimenti”.

L’aberrante fenomeno, purtroppo esiste, ed è già diventato una triste realtà sociale che deve essere affrontata in qualsiasi modo.

“Può sembrare un paradosso – insiste il primo cittadino – purtroppo le istituzioni si vedono costrette a combattere questo dilagante fenomeno che è stato legalizzato proprio dallo Stato, che adesso vuole colpirci negandoci i trasferimenti di denaro”.

Risulta estremamente irragionevole, infatti, che lo Stato prima autorizzi l’installazione di migliaia di slot machines, generando l’obbrobrioso fenomeno che tutt’oggi manda migliaia di famiglie italiane al lastrico, per poi introdurre una modifica del decreto, che punisce i Comuni che varano leggi contro lo stesso.

Questa non è altro che l’ennesima “genialata” dei politici italiani, che nostro malgrado ci rappresentano, alla quale presto dovranno (si spera) trovare l’ennesima soluzione. 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, grandi e piccini in compagnia di Babbo Natale
Next articleStamina, il brutto risveglio.