Lecce, Roséxpo II° Salone Internazionale dei vini rosati

0
264

Rosexpo2015Lecce – Degustazioni e appuntamenti culturali dal 5 al 7 giugno al Castello Carlo V di Lecce (www.castellolecce.unile.it) con la II° edizione di Roséxpo, il salone internazionale dei vini rosati. Organizzato da deGusto Salento (www.degustosalento.it,), la prima associazione che riunisce sinergicamente i migliori produttori di Negroamaro, Roséxpo ha l’obiettivo di valorizzare e raccontare i rosè in tutte le sue sfumature secondo un’ottica di confronto tra territori di produzione nazionali ed esteri creando un percorso condiviso per la promozione degli stessi e fare il punto su terroir, vitigni, tecniche produttive e aspetti sensoriali.

La tre giorni vede il sostegno della Regione Puglia – Area Politiche e Sviluppo Rurale – del Comune di Lecce, Castello Carlo V, Puglia Promozione e la collaborazione di AIS delegazione di Lecce, Slow Wine, Slow Food Puglia, Le Donne del Vino, Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, I.M.T.& Co s.r.l. IMovePuglia.Tv.

Saranno circa 150 i vini provenienti da tutto il territorio nazionale e dall’estero, protagonisti di Roséxpo 2015, in degustazione sabato 6 e domenica 7 giugno dalle ore 18 alle 23 presso il Castello Carlo V, nel cuore della città. Ai banchi d’assaggio, curati da sommelier AIS, si accede con un ticket del costo di 10 euro, incluso del calice e pettorina.

Tanti gli ospiti dal mondo del vino. Oltre ai rappresentanti di aziende vitivinicole, sommelier e addetti ai lavori, quest’anno 25 giornalisti di settore provenienti dall’Italia, dall’estero, dall’Università di Scienze Gastronomiche con il Master targato Slow Food in Cultura del Vino, e gli Instagramers Italia, la community italiana degli appassionati di Instagram, che vanta oltre 300 milioni di utenti nel mondo.

Il programma di Roséxpo prende avvio venerdì 5 giugno alle ore 18 presso Malcandrino Cibo ed Eventi (S.P.Lecce-Monteroni): in un locale completamente scavato nel tufo, tra le botti di rovere, si terrà una tavola rotonda “La Rosé Revolution: dal Bardolino  Chiaretto al Negroamaro del Salento, attraversando tutta l’Italia” con il contributo di noti esperti del settore che faranno il punto sullo stato dell’arte della produzione dei vini rosati italiani e sulle prospettive dei mercati esteri.

Il 6 e 7 giugno al via il fittissimo calendario di Roséxpo 2015 presso il Castello Carlo V con  una serie di appuntamenti collaterali.

Il taglio del nastro non può che avere una sfumatura rosé. Ad inaugurare la manifestazione sabato 6 giugno alle ore 17.30 presso il Castello Carlo V sarà Elena Martusciello, Presidente nazionale de “Le Donne del vino”insieme alle Autorità. ( Anteprima esclusivamente per la STAMPA ore 16.30).

ARTE: Sabato 6 giugno, in concomitanza con l’inaugurazione, opening della mostra d’arte “Phisys” a cura di Lorenzo Madaro, con opere di vari artisti impegnati nell’indagine sulla natura e sulle sue sfaccettature che si mescola con l’arte della tradizione delle “Luminarie De Cagna”.

MUSICA: Sempre sabato, durante l’inaugurazione e alle ore 20, è prevista una “incursione bandistica” del festival “Bande a Sud”, presente a Roséxpo con espressioni delle bande da giro giovanili del territorio, delle street band di recentissima formazione delle bande sociali.

FOOD: sia il sabato che la domenica sera, dalle ore 20 alle 22.30, vino e cucina si intrecciano con i richiami gastronomici della Med Cooking School di Ceglie Messapica, diretta da Antonella Ricci, che proporrà “interpretazioni di panino gourmet” all’insegna delle eccellenze dei sapori locali.

WINE & MODAIl sabato sera, alle 20.30, è anche in programma “Un calice di rosè”con i vini dell’associazione Le Donne del Vino di Puglia, accompagnato dalla presentazione di “Passaporto di Bacco in Rosé”, un progetto volto alla selezione di abiti di alta moda dedicati ai vini rosati, organizzato dall’associazione Diotima.

CULTURA: Al Castello sono programmati due seminari:  sabato 6 giugno dedicato ai territori del vino rosato fermo, e la domenica ai territori vocati alla spumantizzazione in rosè, con degustazioni guidate (prenotazione al numero 389 6438195) che vedono come conduttori Giuseppe Baldassarre, componente della commissione nazionale didattica dell’Associazione Italiana Sommelier, e Francesco Muci, responsabile della guida Slow Wine per la Puglia. Per la stampa è stata riservata invece una sala di degustazione ad hoc.

Il calendario culturale di domenica 7 giugno si arricchisce alle ore 20 con uno spazio dedicato al festival nazionale del libro “Tuglie Incontra” a cura di Gianpiero Pisanello, con la presentazione del volume “Mangia come parli” di Cinzia Scaffidi, vicepresidente di Slow Food Italia.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleI cinque impegni di “Novoli Protagonista”
Next articleNegroamaro Wine Festival, a Brindisi dal 5 al 9 giugno