Le sfumature di Emanuele Barbati: il cantautore presenta il suo disco alla Feltrinelli di Lecce

0
269

Emanuele BarbatiLecce – Partirà dal capoluogo salentino l’instore tour di Emanuele Barbati, cantautore tarantino che giovedì 16 luglio, alle ore 19, presenterà l’album “Sfumature Nº1” alla libreria Feltrinelli di Lecce (via Templari 9). L’incontro, un connubio fra chiacchiere e musica live, sarà moderato Bianca Chiriatti, redattrice di Paisemiu.com

Sfumature Vol.1 (Scirocco Music/ Believe) è un disco dalle sonorità pop ispirato alla Puglia, terra natale di Emanuele, ed è disponibile in digital download, sulle principali piattaforme streaming e nei negozi tradizionali.

Emanuele Barbati torna dopo il primo album “Sulla Stessa Via”, finanziato da Puglia Sounds, con Sfumature Vol.1“, prodotto da Roberto Vernetti (Dolcenera, Elisa, Irene Grandi, Elio e Le Storie Tese), con testi e musica dello stesso Emanuele Barbati. Questa la tracklist: “Finalmente“, “Balli“, “Oh Oh“, “Ecco arriva il sole” (attualmente in rotazione radiofonica,il video è visibile a questo link: http://youtu.be/ZnsQoSwYAiw), “Settembre“, “Stai sicura” e “Uno comeme“.

Emanuele Barbati è un compositore e autore di Taranto.Laureato in musicologia, ha studiato chitarra, pianoforte e produzione musicale presso il CPM Music Institute di Milano, diretto da Franco Mussida. Cresce nella scena punk pugliese e avvia una progetto solista nel 2005. Chitarrista esperto e giovane poeta, grazie ai finanziamenti di Puglia Sounds pubblica nel 2012 il primo album “Sulla Stessa Via” da cui è stato estratto il singolo “Defaillance”. Il tour lo porta a suonare in tutta Italia e in Francia. Gli ultimi singoli di Emanuele Barbati sono “Finalmente“, “Stai sicura“, “Oh, oh” che verranno raccolti nel nuovo lavoro discografico dell’artista.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleControlli Forestale anti-Xylella: comunicato del Comune di Trepuzzi per il coordinamento di azioni comuni
Next articleMerendina Fiesta