Controlli Forestale anti-Xylella: comunicato del Comune di Trepuzzi per il coordinamento di azioni comuni

0
695

ArticoloXylellaTrepuzzi (Le) –  È stato diramato in mattinata il comunicato ufficiale del Comune di Trepuzzi in seguito ai controlli che il Corpo Forestale sta effettuando in questi giorni presso i proprietari/conduttori di terreni agricoli nell’agro del comune medesimo. Da diversi giorni ormai nel Comune del Nord Salento sarebbero state avvistate diverse pattuglie del Corpo Forestale, e ciò non ha lasciato indifferenti i cittadini che sul web si interrogavano su cosa stesse accadendo. La risposta non è delle più confortanti, almeno per i proprietari dei terreni agricoli. Le Guardie del Corpo Forestale stanno infatti contattando i diretti interessati , convocandoli presso la sede municipale dei Vigili urbani  con la richiesta di portare delle “prove” che testimoniassero l’avvenuto svolgimento dei  presunti trattamenti fitosanitari obbligatori del mese di Maggio 2015.

Per tutti coloro che non sono in grado di provare quanto richiesto vi sarebbe il rischio di vedersi comminata una sanzione amministrativa oscillante tra i 500 e i 3000 Euro.

Non fosse che la questione è del tutto oscura e controversa, legittime sarebbero le pesanti ammende cui rischiano di andare incontro i malcapitati.

Il Sindaco stesso, Oronzo Valzano, evidenzia nell’avviso alla cittadinanza la non pervenuta risposta del Commissario straordinario alla nota inoltrata dal Comune di Trepuzzi cui si faceva richiesta su delucidazioni materiali circa l’esecuzione dei trattamenti fitosanitari.

Non va dimenticato, inoltre,  che la  prima sentenza del Tar Lazio che aveva di fatto bocciato il primo “piano Silletti” con annessi abbattimenti e attuazione di misure di contenimento  è pervenuta l’ 8 Maggio. Indimenticate sono per i conduttori,  le dichiarazioni rilasciate dagli stessi organi istituzionali che si affannarono annunciando immediatamente il ricorso al Consiglio di Stato, poi bocciato anche quello, per non “vanificare quanto sinora fatto” (con riferimento alle arature).

I controlli sinora effettuati sono stati prevalentemente di carattere fiscale, con la richiesta specifica degli scontrini dei prodotti acquistati per il trattamento con data anteriore al mese di Maggio.

Il malcontento tra  proprietari e conduttori è altissimo ed in molti pur avendo eseguito il trattamento si son ritrovati multati poiché non in possesso di uno scontrino di oltre tre mesi addietro, avanzando il dubbio se il controllo fosse di tipo tributario o effettivo.

Tutti questi elementi unitamente alla gravità delle sanzioni amministrative, grazie anche al coordinamento del Comune di Trepuzzi ed in particolare dell’Assessore Florio e del Sindaco Valzano, lascia presagire la contestazione delle stesse.