Guagnano: “Il Salento e lo spettacolo delle lucciole” di Mavi  Ferramosca, a cura di Associazione Officine Arca APS” e “Biblioteca del Negroamaro e delle Terre d’Arneo”

0
34

Guagnano (Le) – Sabato 22 ottobre, alle ore 18, a Guagnano, Mavi Ferramosca presenterà il suo libro illustrato dal titolo “Il Salento e lo spettacolo delle lucciole” edito da Esperidi nella collana “Il giardino delle Esperidi”.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Officine Arca APS e dalla “Biblioteca del Negroamaro e delle Terre d’Arneo” con il patrocinio del Comune di Guagnano, Assessorato alla Cultura. Dialogherà con l’Autrice Valentina Perrone, scrittrice e giornalista, le letture saranno a cura di Fabio Rubino, autore e regista, con l’accompagnamento musicale di Carla De Fabrizio. Presenzierà l’editore, Claudio Martino.

A seguire una pièce teatrale inerente al racconto, a cura dell’Associazione Officine Arca APS, con la sceneggiatura di Angela Rubino e con la messa in scena di Fabio Rubino. Nel corso della serata, i bambini potranno prendere parte al laboratorio a tema: “Realizziamo le lucciole” che avrà luogo presso la “Casa della bontà”.

Pochi spettacoli della natura ci sembrano magici come il bagliore delle lucciole. Mavi Ferramosca è partita da qui e  in questa opera, ci propone un’antica leggenda, quella dello “scazzamurreddhu”, un folletto simpatico che si diverte a burlare chiunque li capiti a tiro. Ama giocare e fare dispetti e che si aggira nelle campagne salentine, invitando a scoprire un “tesoro”, la cosiddetta “acchiatura”, a chi decide di seguirlo nel suo girovagare. Un tempo nei campi, si rincorrevano numerose le lucciole, in Italia si contano ventuno specie di lucciole ,sfortunatamente, l’attività umana minaccia di spegnere queste silenziose scintille. Come altri insetti, le lucciole sono minacciate dalla perdita di habitat e dall’uso di pesticidi. Sono inoltre, particolarmente sensibili agli effetti nocivi dell’inquinamento luminoso. Risentono molto della presenza di sostanze tossiche ormai molto diffuse in agricoltura.

Si assiste, pertanto, ad una loro lenta scomparsa. Le illustrazioni del libro sono di Bianca Rini, una piccola sognatrice con una grande passione per il disegno, mentre il progetto grafico è di Anova Project (Rivoli).

Un libro per bambini, con l’augurio che le splendide lucciole possano, continuare ad illuminare le nostre campagne salentine. Età di lettura consigliata: dai 4 anni.

Mavi Ferramosca, nata in Salento dove vive tutt’ora, è docente dal 2001, facilitatore culturale e sostenitrice del ruolo dell’insegnante nella formazione per un futuro migliore. Laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Lecce e DEC -Dirigenza e Coordinamento dei Servizi Scolastici, Formativi e Sanitari- presso l’Università degli Studi di Tor Vergata Roma. Specializzata nel Sostegno Didattico presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. Autrice del saggio “Clima e benessere nelle organizzazioni. Per una scuola di qualità”(2020).