Coppa Italia Serie C: Lecce ai Quarti dopo il tris al Matera

0
63
FOTO: Stefano Di Bella

Lecce– Un secco 3-0 inaugura il 2018 del Lecce, che supera agevolmente il Matera e conquista i Quarti di Finale di Coppa Italia di Serie C. Dubickas ha aperto le marcature, arrotondate poi dai gol di Costa Ferreira e Megelaitis.

Nei primi minuti le due squadre si studiano e, eccezion fatta per qualche imbucata centrale non andata a buon fine, il Lecce non riesce a presentarsi dalle parti di Golubovic.

Per annotare la prima (mezza) occasione si deve arrivare al minuto 17, quando Golubovic è provvidenziale nell’anticipare Dubickas su un cross morbido di Torromino sul secondo palo. L’ex Crotone ci prova a 26’ con un diagonale da posizione defilata, ma la palla arriva debole dalle parti del portiere, che blocca in due tempi.

Passano dieci minuti e il torpore generale è rotto da un tiro da fuori di Mancosu, sul fondo di un paio di metri.

Al 39’ il Lecce trova il vantaggio. Squadre schiacciate sulla metà campo, Arrigoni e Ciancio riconquistano il pallone e Torromino trova il corridoio giusto per Dubickas che scatta sul filo del fuorigioco e anticipa l’uscita di Golubovic con un tocco di piatto. La rete dell’attaccante lituano, la seconda in Coppa Italia, premia la maggior propensione del Lecce a proporre gioco. Poco prima della pausa, poi, c’è la punizione dal limite di Arrigoni, che supera la barriera ma trova pronto Golubovic.

Il Lecce comincia la ripresa con il turbo. Al 4’ Costa Ferreira sfiora l’eurogol con un pallonetto che manca di poco l’incrocio dei pali ma il raddoppio arriva soltanto un minuto dopo. Mancosu taglia in due la difesa del Matera e serve un assist perfetto per Costa Ferreira che, in mischia, mette dentro la palla del 2-0 con un tocco ravvicinato.

Il Matera prova a scuotersi e Buschiazzo, all’ 8’, confeziona la prima palla-gol ospite con un colpo di testa che esce fuori di poco.

I giallorossi sono in controllo del match, il Matera non riesce a confezionare occasioni da gol e attorno all’ora di gioco prima Dubickas (diagonale mancino bloccato da Golubovic) e poi il neo entrato Persano (slalom concluso da un tiro impreciso) sfiorano il tris. Lo stesso Persano, neanche un minuto dopo, non corregge in rete da pochi passi un pallone teso scagliato in area da Di Matteo su azione da calcio d’angolo.

Al 29’ si rivede il Matera con una punizione da posizione decentrata di Giovinco, sfera sull’esterno della rete. I biancoazzurri salgono d’intensità nel finale ma pungono soltanto con tiri da lontano. Dammaco, al 32’, esalta i riflessi di Chironi che vola sulla propria sinistra e sventa a mano aperta. Ci prova anche Sartore al 38’ ma l’estremo difensore del Lecce deve soltanto bloccare in presa. Tra le due occasioni il Lecce trova il tris con Persano, ma il secondo assistente annulla per fuorigioco dell’attaccante sul servizio di Di Matteo.

Lepore, posizionato a centrocampo, tenta anch’egli la soluzione da fuori, ma sulla sua sassata al 41’ Golubovic risponde presente e blocca in tuffo.

Il tris giallorosso arriva al 43’. Altra percussione prorompente di Mancosu che parte dalla sua trequarti, e conquistata quella avversaria, confeziona un traversone morbido per Megelaitis che controlla e insacca sul secondo palo.