Viaggio tra Italia e Turchia: Ozpetek e il suo “Rosso Istambul”

0
493

OzpetekLecce –  21 novembre 2013, all’esordio come scrittore, il famoso regista italo- turco, Ferzan Ozpetek, ieri ha presentato il suo primo romanzo, edito da Mondadori e pubblicato lo scorso 5 novembre, presso la Feltrinelli di Lecce, nuovo centro nevralgico della cultura salentina.

Il romanzo intitolato “Rosso Istanbul”, è per certi versi autobiografico. È il racconto della sua famiglia d’origine. Inizia con la decisione di prendere un aereo da Roma, per andare ad aprire le porte del suo passato, nel ricordo della madre, della nonna, della zia e, attraverso i loro racconti, ritornare ai fasti della Turchia ottomana, allo splendore di quell’ Impero.

Il regista, famoso per “Le fate ignoranti” e “Mine Vaganti”, quest’ultimo girato in gran parte nel centro storico di Lecce, è amante della città barocca e del Salento, spesso scenari delle sue riprese.

La sua prima opera cinematografica del 1997,è intitolata “Il bagno turco” e anch’essa riprende elementi autobiografici che ci fanno viaggiare dall’occidente  ad oriente.

In un’intervista dichiara che, per scrivere “Rosso Istanbul”, ha prima visualizzato delle immagini, trasformandole successivamente in parole; in sostanza il lettore mentre si accinge ad intraprendere questo viaggio, dovrebbe immaginare se stesso come parte integrante dei luoghi descritti.

Lasciamo il giudizio al pubblico, numeroso nella serata di ieri che, senza dubbio, rimarrà affascinato dai sapori e dalle forte sensazioni di matrice orientale che scaturiranno dal testo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleVendola – Archinà, la maggioranza fa quadrato attorno al suo presidente
Next articleWeek end di grande teatro nella “bomboniera” di Novoli