Rifiuti tossici nel Salento, l’assessore Guido “allarme rientrato”

0
447

Rifiuti tossiciLecce – Sembra rientrato l’allarme che nei giorni scorsi ha seminato il panico tra i cittadini salentini, alla luce delle notizie preoccupanti divulgate dai media, in relazione alla possibile presenza di rifiuti tossici nelle campagne di alcuni paesi del Basso Salento, almeno stando alle dichiarazioni rilasciate da un pentito della Sacra Corona Unita.

A placare gli animi dei cittadini è stato l’intervento dell’assessore alle Politiche Ambientali di Lecce Andrea Guido che ha dichiarato “non esiste alcuna bomba ecologica nel territorio salentino”. Il garante dell’Ambiente fa il punto della situazione spiegando quali sono state le azioni svolte fin ora, da chi di competenza, per cercare di capire ed eventualmente scoprire se vi fosse la presenza o meno di discariche o rifiuti abbandonati nel territorio. A tal proposito l’assessore afferma “l’ufficio Ambiente svolge un’intensa attività di controllo su tutto il territorio per ciò che riguarda l’abbandono incontrollato dei rifiuti e discariche abusive. Tale attività è supportata dal controllo delle forze dell’ordine che effettuano sopralluoghi e sequestri di aree su cui si rilevano comportamenti illeciti di smaltimento dei rifiuti”.

Ma ad angosciare i cittadini è, soprattutto, la totale assenza di operazioni di bonifica, che a quanto pare non sono state mai avviate. Un dato confermato anche dal Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone che afferma “non dal 2009 ad oggi, almeno. Del resto, negli anni passati non esisteva il tema dei rischi collegati a possibili contaminazioni del terreno”.

Su questa vicenda è intervenuto anche il ministro salentino ai Beni Culturali, Massimo Bray, che si dice preoccupato “occorre andare a fondo nelle cose, scoprire cosa è stato fatto. È un’ipotesi che mi crea grande preoccupazione”.

Intanto i sindaci del Basso Salento sono i primi a muoversi. Infatti, nella giornata di Mercoledì 26 Novembre si riuniranno per discutere la questione, conferendo, nell’eventualità, l’incarico agli uffici comunali competenti, di avviare le indagini necessarie per capire se davvero, nei terreni limitrofi siano state occultate sostanze tossiche, mentre la Procura di Lecce, fa sapere che non intende aprire alcun filone d’inchiesta al riguardo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, Consiglio Comunale a tempi da record. L’opposizione insorge e si rischia la rissa
Next article“Non ci toglieranno mai il sorriso”: appello delle donne contro la violenza di genere