Cursi, rapina all’Eurospin. Arrestato dai Carabinieri un uomo di Galatina

0
1805

Panico LuigiCursi (Le) – Scene da film ieri sera a Cursi, dove verso le ore 20 circa, tre persone armate con una pistola, un coltello ed un giravite, travisate da passamontagna e con guanti in lattice, hanno fatto irruzione all’interno dell’Eurospin e, sotto la minaccia delle armi, si sono fatti consegnare la somma in contanti di 820 €, fuggendo immediatamente dopo a bordo di una Fiat Uno nera rubata.

 Ma la storia, questa volta, non è andata secondo i piani, perché il proprietario dell’esercizio commerciale si è messo alla guida del proprio furgone ed ha inseguito l’auto dei rapinatori. Poche centinaia di metri sono bastati per raggiungere l’autovettura dei malviventi con i quali è stato inevitabile il sinistro. Visibilmente claudicanti, i tre hanno abbandonato la macchina cercando di fuggire a piedi per le vie circostanti, ma uno dei tre è stato bloccato da alcuni passanti e dal proprietario dell’Eurospin.

Nella calca delle persone, sono volati alcuni schiaffi nei confronti del fermato, che pochi istanti dopo, all’arrivo della pattuglia dei Carabinieri, era già visibilmente provato dalle percosse, venendo letteralmente salvato da un linciaggio certo. Panico Luigi, 36enne di Galatina, pregiudicato, è stato perciò tratto in arresto per rapina aggravata in concorso. Le ricerche dei due complici, sono proseguite tutta la notte e si cerca di identificarli.

Il Panico dovrà rispondere di rapina aggravata in concorso e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. La refurtiva è stata recuperata e restituita all’avente diritto. L’auto è stata sottoposta a sequestro per i rilievi tecnici.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLo Bue: “Lecce piazza calda, che bello averla dalla mia parte”
Next articleVa a fuoco l’auto di due ambulanti, in fumo merce e incassi