Storia di Luca Bianco, quando i sogni volano sulle ali della musica

0
4950

Luca BiancoTrepuzzi (Le) – L’incredibile storia di Luca Bianco, 15 anni e tanti sogni nel cassetto, fa venire un po’ in mente una nota canzone di Morandi “Uno su mille ce la fa”.  La sua però non è solo fortuna, in realtà Luca ha scoperto di avere un bellissimo talento che, ora più che mai, merita di essere coltivato ed educato. Ma procediamo con ordine: questa storia inizia durante il periodo delle medie. “Ho un fratello due anni più grande di me che al momento di iscriversi alla scuola media scelse di frequentare la sezione del corso musicale. Così, quando toccò a me, anch’io decisi di fare la stessa scelta, preferendo fra gli strumenti, il flauto traverso – ci racconta emozionato Luca – Da quel momento ho vissuto tre anni fantastici perché facevo parte di qualcosa che mi faceva sentire coinvolto, partecipe. Tre anni all’insegna della musica, di concorsi, di concerti. I professori sono stati degli ottimi insegnati perché sono riusciti, anche nei momenti in cui volevamo buttare la spugna, a farci capire che nella musica non basta essere bravi a leggere lo spartito e ad interpretarlo ma, mentre lo si esegue, bisogna essere prima di tutto se stessi”.

E poi? Tutti ci aspetteremmo a questo punto che Luca continuasse a frequentare un istituto superiore con indirizzo musicale e invece no! Questo cammino si interrompe bruscamente perché intanto scopre che la sua ‘vocazione’ è un’altra: quella per il mare. Da due anni, infatti, frequenta l’istituto Tecnico Nautico Camaro a Brindisi con un ottimo rendimento scolastico per giunta.

“Però nella mia testa frullava sempre un qualcosa che mi riportava agli anni delle scuole medie… forse nostalgia di quei tempi, o forse il rimorso di non aver continuato con la musica. Non credo che riuscirò mai a capirlo”. La musica non si spiega, aggiungiamo noi, quando ce l’hai dentro non muore mai, ritorna sempre, perché fa parte di noi.

E la musica, infatti, è tornata prepotente nella vita di Luca in modo del tutto fortuito e inaspettato.” Qualche tempo fa, stufo di pensare allo studio, mi ritrovai a fantasticare su come sarebbe la mia vita se diventassi ‘qualcuno’; e con quel qualcuno intendevo dire un personaggio noto, famoso, forse un attore o un comico”. Ora alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non abbia pensato la stessa cosa; solo che Luca non si è limitato a farci un pensierino e basta. “ I miei amici dicono sempre che ho una voce da trombone tanto che anche quando cerco di parlare sottovoce mi risulta un po’ impossibile – dice con un mezzo sorriso – Così provai a cantare al computer qualche brano lirico e mi piacque molto, sognavo davanti a me un palco con tanto di pubblico”. Da lí in poi, per farla breve, è stato un susseguirsi di cover di canzoni cantate con tanta passione e sentimento.Concerto Luca Bianco

“Qualche tempo fa vidi in tv un film “la fidanzata di papà” e mi piacque moltissimo un brano del soundtrack ma non riuscivo a capire di chi fosse – Così, come tutti i ragazzi, anche Luca ha cominciato a smanettare su youtube fino a quando bingo! Il brano in questione era Chasing Pavements di Adele Iniziai a canticchiarla e, dopo averla studiata, provai a registrarmi. Dopo riascoltandomi più volte non riuscivo a credere che quella fosse davvero la mia voce. Su internet ho cercato tutte le informazione riguardanti Adele. Mi piaceva la sua voce, il suo timbro, la sua persona, il carattere e ne rimasi affascinato – Fin qui nulla di strano, chi più chi meno, tutti abbiamo i nostri cantanti del cuore, tutti abbiamo cantato le loro canzoni più belle. I ragazzi di oggi però hanno una marcia in più: dalla loro hanno la rete, possono non solo registrarsi ma anche montare video e darli in pasto ai social e sia quel che sia – Quanto avrei voluto vivere un percorso come il suo, mi ritrovai a pensare. Determinato a raggiungere quest’obbiettivo, contattai un amico delle scuole medie, Federico, che ha l’hobby della foto pensando che potesse aiutarmi a realizzare dei video per caricarli poi su youtube, myspace e altri social”. E a questo punto che la storia di Luca ha una svolta fulminante da far cascare la mascella e suscitare pure un po’ di invidia e scetticismo per quanto è incredibile! Grazie a F.V. Fotografia la sua registrazione è stata ascoltata proprio da lei, il suo idolo, Adele! Non solo, la cantante gli ha inviato una mail in cui dice che le è piaciuta molto la sua voce e come ha saputo interpretare la sua canzone; così tanto da invitarlo a cantarla insieme a lei il 25 ottobre a Miami!

“L’emozione prima ed ora é stata ed é ancora tanta – non fatichiamo a crederci. Quando la notizia ha cominciato a girare Luca è stato invitato a esibirsi nel suo paese, Trepuzzi, in una manifestazione – Il 1 luglio mi sono esibito per la prima volta in pubblico. Tanta l’emozione e alla fine il forte applauso del pubblico mi ha dato tanta fiducia in me stesso. Sto muovendo i miei primi passi e spero tanto di andare lontano e coronare questo mio sogno”. Ognuno di noi ha diritto ai suoi sogni ed ha il sacrosanto dovere di farli diventare realtà. In bocca al lupo, Luca.