Si chiama Golem Day il Laboratorio di Gastronomia e cultura nato a Porto Cesareo

0
440

Golem DayPorto Cesareo (Le) – Come avvicinare i bambini ad argomenti difficili da trattare anche per gli adulti come la Giornata della Memoria celebrata lo scorso 27 gennaio?

Nel modo più dolce e “leggero” possibile… attraverso il Laboratorio di Gastronomia e cultura, ideato da Dalila Peluso, diretto a bambini e ragazzi e tenutosi presso la pizzeria “Pizza a Metro” di Porto Cesareo, nel pomeriggio del 29 gennaio scorso.

I più piccoli sono stati protagonisti attivi nella preparazione del Golem di cioccolato. Il Golem, il cui termine deriva dalla Bibbia e indica “la massa priva di forma”, è una figura immaginaria della mitologia ebraica. Esso rappresenta un gigante di argilla forte e ubbidiente, incapace però di pensare e provare emozioni, tanto da divenire, nonostante la sua mole, servo del suo padrone. In età contemporanea, la figura è stata adottata dalla società europea per essere inserita in opere fantasy.

Al laboratorio, durato 2 ore, hanno partecipato 10 bambini accompagnati dai loro genitori, che hanno assistito alle prodezze culinarie dei piccoli. Essi si sono ritrovati ad impastare farina e cacao per fare la pasta frolla e dopo averla fatta riposare, darle la forma del proprio eroe. Mentre si accingevano a plasmare il gigante, veniva raccontata loro una storiella nella quale erano inserite informazioni sulla Shoah e sulla cultura ebraica.

L’intento è stato quello di far arrivare ai bambini, seppur attraverso il gioco e la dolcezza, il messaggio della Giornata, poiché essi saranno gli uomini di domani e i testimoni della Storia.

Proprio riscontrando l’entusiasmo dei più piccoli, si è deciso di poter  ripetere su richiesta il Golem Day!!!

Per info e contatti: Dalila Peluso 3207063797

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSvicat, non basta la grande volontà: il CUS Roma vince 10-6
Next article“Sei di Novoli se …” e Facebook si popola di ricordi