Lecce, NASCA il teatro, presto aprirà le sue porte

0
104

Ippolito Chiarello, ideatore del Barbonaggio Teatrale e della sua Compagnia “Nasca Teatri di terra”, dopo essere stato, per tanti anni impegnato a portare il teatro fuori dai teatri, per strada, non solo in Italia ma anche in molti altri posti del mondo, realizzando svariati progetti con università, compagnie e istituzioni, ha una casa, un luogo fisico: “NASCA il teatro”. La residenza artistica ha come sede, nel quartiere stadio, un immobile al piano terra dei condomini di edilizia residenziale pubblica Arca Sud, in via Siracusa 26/28 – Zona 167B. Un luogo aperto a tutti, ubicato nella periferia di Lecce, “sarà un luogo di incontro, ha dichiarato  Ippolito Chiarello, “con l’obiettivo di agire a partire dai quartieri, con-fondersi realmente con tutta la città e insieme arrivare oltre oceano, con un’unica voce fatta di tante belle “differenze”.

Una casa a Lecce, da condividere con la gente e le realtà artistiche del quartiere e della città. L’apertura dello spazio e la conclusione dei lavori di allestimento, è prevista per maggio. Una residenza artistica permanente quindi, uno spazio che non sarà solo unicamente un teatro, ma molto altro. Sono previsti, oltre a svariate attività, anche spazi e percorsi dedicati all’infanzia e cineforum; l’infanzia sarà il punto di partenza per tutta l’azione progettuale di questo nuovo luogo. Per i più grandi verrà fatta promozione teatrale e artistica più in generale, danza, musica, letteratura, benessere, arte, circo, cinema. Verrà costituita una banca del tempo e di scambio tra le varie arti e il pubblico. Saranno organizzati eventi e rassegne; verrà istituito un fondo unico delle spettatore, FUS, per finanziare le attività che si attueranno e che darà diritto a partecipare alle varie iniziative di formazione e di spettacolo. E tanto altro ancora.

In quanto al nome “Nasca”, si legge nel comunicato: “nasce ispirandosi a un grande e importante naso, che annusa i luoghi e per ribadire che bisogna far nascere, percorsi artistici e arrivare in tutti gli angoli delle nostre strade. In una zona periferica della città di Lecce, con l’obiettivo di agire a partire dai quartieri, con-fondersi realmente con tutta la città e insieme arrivare oltre oceano, con un’unica voce fatta di tante belle differenze”. La finalità preponderante è quella di creare, mediante l’azione artistica, nuova consapevolezza nei cittadini, innescando dei processi di cambiamenti e innovazione mirando a consolidare la “comunità”. Affianco a Ippolito Chiarello con Nasca, ci sono diversi artisti, associazioni e residenti, pronti ad ampliarsi, per sviluppare un pensiero intorno al sociale e all’arte. Del gruppo fanno parte: Simona Cleopazzo (scrittrice), Luigi Negro (Wellbeing culturale), Francesca D’Ippolito (professionista del teatro), Titti Dollorenzo (professionista del teatro), Marcella Buttazzo (educatrice), Mariliana Bergamo (danzatrice), Silvia Perrone (Stati Onlus), Roberto Quarta (Contemporrary Art Addiction), Barbara Toma (coreografa).

I lavori degli spazi del teatro, sono stati già avviati con risorse proprie, per ultimare quelli di allestimento e per la realizzazione degli obiettivi progettuali, è stata promossa una campagna di raccolta fondi, attraverso la piattaforma eppela.com. Il link per conoscere il progetto nei particolari e per fare una donazione è il seguente:  https://www.eppela.com/projects/6740.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAbbazia di  Santa Maria di Cerrate: nuovi  investimenti per la valorizzazione
Next articleA Novoli … l’arte in prima serata