Il 15 agosto, a Torre dell’Orso, il Digital Pride, festival internazionale delle arti digitali

0
349

Digital PrideTorre dell’Orso (Le) – Si svolgerà sulla Spiaggia di Torre dell’Orso, una delle più belle e solari location salentine, proprio il giorno di Ferragosto, dal tramonto all’alba, la speciale edizione estiva del Digital Pride, il Festival Internazionale delle Arti Digitali made in Salento. 

Digital Pride, ideato dall’Associazione Culturale Leccese B.A.D. Ideas, da Insynch Lab e Joyfull Family Records, si avvarrà per questa summer edition della collaborazione di Red Bull e del patrocinio del Comune di MelendugnoPolitiche Giovanili e Spettacoli. In cartellone anche questa volta nomi illustri del panorama mondiale della musica elettronica e delle installazioni multimediali: dal dj e produttore toscano Stefano Noferini, personaggio celeberrimo del clubbing internazionale la cui fama è paragonabile a quella di una rock star, a Ennio Colaci dei Minimono, Gianni Sabato, resident del Guendalina, Cristian Carpentieri, produttore e dj salentino, fondatore della nota etichetta discografica Joyfull Family Records, fino alla prodigiosa crew Insynch Lab, avanguardia delle installazioni multimedia per l’intrattenimento. 

Nato dall’esigenza di definire lo stato dell’arte delle tecniche sperimentali rivolte all’intrattenimento multimediale, già patrocinato dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, da Apulia Film Commission, dalla Mediateca Regionale Pugliese, dal Comune di Lecce, dalla Fondazione D’Ars Oscar Signorini Onlus, da Milano In Digitale e, ora anche dall’Amministrazione Comunale di Melendugno, il festival si configura come una fertile piattaforma di confronto per ambiti multidisciplinari ed è teso alla promozione di tutte le nuove forme d’arte che oggi vengono identificate come “digital art”. 

L’edizione estiva si configura però come un grande evento gratuito di musica elettronica dal tramonto all’alba su quella che è senza dubbio una delle più belle spiagge del Salento e, con ogni probabilità, dell’Italia intera: la Spiaggia di Torre dell’Orso.

Le immagini in movimento e le animazioni 3D ancora una volta andranno ad unisono con la musica, in synch!

Line Up dalle 18:00 alle 04:00:

STEFANO NOFERINI Deeperfect

ENNIO COLACI Minimono

GIANNI SABATO Guendalina

CRISTIAN CARPENTIERI Joyfull Family Records

LUCA CORCELLA Joyfull Family Records

INSYNCH LAB Visual & Digital Art

La spiaggia di Torre dell’Orso, di finissima sabbia color argento, con un mare particolarmente limpido per le correnti del Canale d’Otranto e più volte premiata con la Bandiera Blu d’Europa per la trasparenza e la pulizia del mare, è un’insenatura della lunghezza di circa 800 metri delimitata da due alte scogliere. Alle spalle della spiaggia si trovano basse dune con una pineta non naturale ma impiantata dall’uomo (nell’era fascista) per bonificare la zona. Nella zona sud dell’insenatura sfocia un corso d’acqua chiamato Brunese. La zona sud della scogliera è caratterizzata dalla presenza della grotta di San Cristoforo nella quale sono stati rinvenuti antichi graffiti. Nella scogliera sottostante la torre, a nord della baia, sono presenti antiche grotte, oggi murate, che i pescatori alcuni decenni fa usavano per depositare gli attrezzi di pesca e trascorrere, nel periodo estivo, le vacanze.

Nell’estremo sud della baia di Torre dell’Orso, a poca distanza dalla spiaggia, si incontrano due faraglioni, vicini e simili, detti Le due Sorelle. Secondo la leggenda il nome deriva da due sorelle che un giorno decisero di sottrarsi alle fatiche quotidiane cercando refrigerio nel mare. Giunte a Torre dell’Orso, si tuffarono da una rupe nel mare in tempesta non riuscendo più a guadagnare la riva. Gli Dei, mossi a compassione, le tramutarono nei due suggestivi faraglioni.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli: COMUNICAZIONE DI SERVIZIO
Next articleNovoli, cambiano i sensi di marcia nelle vie cittadine. Nuove norme anche per Piazza Regina Margherita