Cuoreamico, si riparte con la 15esima edizione

0
209

Presentazione Cuore Amico 2015Lecce – Si è svolta nell’Open Space di Piazza S. Oronzo a Lecce la presentazione del rush finale della 15esima edizione di CuoreAmico Progetto Salento Solidarietà.

Un’inaugurazione che giunge, come ogni anno, nel periodo di Natale, quando attorno al Presidente della fondazione Paolo Pagliaro si stringono tutte le istituzioni del territorio, a testimoniare come Cuore Amico sia diventata essa stessa un’istituzione, riconosciuta da tutti, trasparente e impegnata.

Un sostegno ideale e concreto a questo impegno si rinnova nella presentazione di questa nuova edizione dall’assessore regionale al Welfare Salvatore Negro, che porta, per la prima volta un contributo di 5 mila euro, al presidente della Provincia Antonio Gabellone, al Sindaco di Lecce Paolo Perrone. Presenti anche il consigliere regionale Saverio Congedo, il vice sindaco di Lecce  Carmen Tessitore, l’assessore Gaetano  Messuti, la consigliera Filomena d’Antini Solero.  E poi il Comitato scientifico , le associazioni, gli artisti e chi quotidianamente contribuisce a far si che cuore amico raggiunga sempre i suoi obiettivi riempiendo i salvadanai con impegno e amore.

In  15 anni, CuoreAmico ha sostenuto 559 bambini “diversamente fortunati” del Salento che, con le loro famiglie,hanno ricevuto un aiuto pari a 4milioni 340mila e 108 euro ed ha donato 140 auto attrezzate.

Un risultato eccellente che la solidarietà continua a coltivare con una serie di iniziative. E così,  prima del 6 gennaio, giorno in cui durante la consueta diretta no stop di Telerama si contabilizzeranno i frutti della raccolta, appuntamento domenica 20 dicembre , in piazza s. Oronzo, la grande adunata con due conduttori d’accezione: Manuela Sparapano e Giovanni Conversano.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTerremoto Xylella, adesso tremano anche le istituzioni. Dieci indagati ed ulivi sequestrati
Next articleMessa natalizia per la IV domenica di avvento con la Schola Gregoriana “CUM JUBILO”