A Lecce una mostra con gli scatti di Robert Herman

0
324

Robert HermanLecce – A Lecce, Lo.ft – Locali fotografici ospiterà dall’8 al 22 dicembre, la personale di Robert Herman intitolata “The Phone Book solo exhibition”. Curata da Roberta Fuorvia, la mostra presenta  – per la prima volta in Italia – un’accurata selezione di 30 immagini a colori realizzate con l’iPhone e tratte dal libro “The Phone Book”, pubblicato ad ottobre 2015 da Schiffer Publishing.

Le foto documentano l’evoluzione di stile di Robert Herman, che utilizzando un iPhone,  riesce a muoversi celermente nelle città per cogliere la vivacità e l’essenza dei  luoghi visitati in giro per il mondo. In ogni foto sono indicati luogo, data, ora, latitudine e longitudine. È un modo questo per attribuire una propria identità alle immagini e per “tracciare una mappa del mondo fatta di luci e colori, di eccitazione e trasparenza, di illusioni e speranze”.

Robert Herman inizia la sua carriera come street  photographer al termine degli anni ’70,quando, “armato” di una Nikon F, comincia ad esplorare New York ed i suoi quartieri più caratteristici, migliorando negli anni la sua tecnica. Le foto su pellicola a colori Kodachrome scattate a New York dal 1978 al 2005 sono raccolte nella sua prima monografia “The New Yorkers” e testimoniano come la città abbia subito negli anni importanti cambiamenti, fino a diventare la metropoli spettacolare che conosciamo oggi.

Robert Herman2La sua seconda pubblicazione, dalla quale è tratta la mostra, si intitola “The Phone Book” e raccoglie oltre 120 fotografie scattate da Herman tra il 2000 e il 2015 durante il suo peregrinare in giro per il mondo. Considerato uno dei primi libri fotografici interamente realizzati con Hipstamatic – una delle migliori app di fotografia per iPhone – , accompagna l’osservatore in un viaggio emozionale da Napoli a Bilbao, da Johannesburg a New York .

“Tra le fotografie esposte ci sono alcuni scatti inediti considerati dall’autore non adatti, per ragioni editoriali, alla pubblicazione ma meritevoli di un posto all’interno della mostra. Questa scelta è stata pensata e voluta per due ragioni. La prima: “riabilitare” alcuni “scarti” dell’autore offrendo al pubblico immagini di cui non avrebbe potuto altrimenti godere; la seconda, più prettamente tecnica: il processo di editing delle immagini destinate ad un libro fotografico è ben diverso da quello dell’allestimento di una mostra fotografica e spesso le ‘pause’ ed i ‘respiri’ impiegati nel contesto di uno spazio espositivo differiscono da quelli necessari all’interno dell’ “oggetto libro”. (Dal testo critico di Roberta Fuorvia)

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl Nardò non va oltre il pareggio: è 1-1 contro il Francavilla
Next articleTito Schipa, il ricordo della “sua” Lecce mezzo secolo dopo