A Lecce, la XVI Edizione del Premio Nazionale delle Arti.

0
20

Lecce ospiterà sino al 6 dicembre, “Created in Italy”, la XVI edizione pugliese del “Premio Nazionale delle Arti”, promosso e bandito dal Ministero dell’Università e della Ricerca. Il concorso nazionale è riservato agli studenti delle Accademie di Belle Arti e dei Conservatori, suddiviso per tipologia di opere in sezioni e sottosezioni . “Created in Italy” è il titolo scelto per l’edizione pugliese del premio, ed è da intendersi, come un bisogno di voler fortemente evidenziare, il valore della componente creativa dell’ingegno italiano che connota il nostro territorio, ponendo l’accento sul creare e non solo sul fare. Dell’edizione 2022,  un’interessante novità del premio è l’aver voluto coinvolgere, della città barocca,  più sedi espositive di grande valore architettonico e culturale. Un  espediente, questo, non solo per coinvolgere gli amanti e gli appassionati dell’arte ma anche per richiamare , attraendo i turisti. Ogni sito scelto dall’organizzazione del premio ospiterà opere raggruppate per tematiche. Le sedi espositive sono complessivamente cinque, così suddivise:1. Accademia di Belle Arti- Arti grafiche, Fotografica, Videonarrazione, Videoinstallazioni, Decorazione, Scenografia, Composizioni elettroniche sonore; 2. Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio- Pittura ;3. Ex Conservatorio S. Anna- Opere interattive; 4. Sala del Buon Pastore – Restauro; 5. Must – Sculture. Sarà l’ Accademia di Belle Arti di Lecce a ospitare il maggior numero di opere e di sezioni. L’allestimento è diviso tra due piani: piano terra e primo piano. Sono state esposte circa 250 opere, selezionate da commissioni nominate dal ministero e provenienti da tutte le Accademie e Conservatori italiani.. “Le Accademie hanno fatto un grande passo in avanti ottenendo finalmente la possibilità di fare ricerca – dichiara il presidente dell’Accademia di Belle Arti di Lecce Nicola Ciracì – ma soprattutto hanno il dovere di comunicare la propria conoscenza, di renderla visibile e fruibile come hanno il dovere di accompagnare i propri allievi al mondo del lavoro. Il Premio nazionale delle arti rappresenta tutto questo: la sintesi del diritto alla conoscenza, ma anche il dovere del fare e del formare”

“L’Accademia di belle arti di Lecce  – aggiunge il direttore Nunzio Fiore –  ha scelto il museo diffuso come modello espositivo;  un cammino urbano nel centro della città di Lecce punteggiato da arte, storia ed emozioni. Il concept artistico è legato ai curricula studiorum delle istituzioni di alta formazione e Created in Italy non è soltanto l’indicazione di una provenienza geografica, ma soprattutto il segno di una appartenenza intellettuale, capace di identificare l’intera esperienza professionale di artisti, artigiani e designer attraverso la valorizzazione dei beni intangibili”. Le sezioni a concorso, come da tradizione del Premio saranno due. A queste se ne aggiungerà un’altra speciale a tema, dal titolo:“Arte e legalità” in memoria dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino; un modo questo, per testimoniare attraverso l’arte, quanto l’Italia sia loro debitrice per l’impegno profuso nella lotta contro la mafia. La giuria di “Arte e legalità” individuerà tre premi in danaro come contributo allo sviluppo della ricerca artistica ed estetica degli studenti. Per la premiazione dei vincitori delle altre sezioni, è stato realizzato un trofeo che riporta il logo della manifestazione. La mostra sarà aperta al pubblico sino al 16 dicembre ed è visitabile dal lunedì al venerdi dalle 8.30 alle 17.30, il sabato dalle dalle 16.00 alle 20.00 e la Domenica dalle 9.00 alle 13.00.