Art bonus: i benefici fiscali del mecenatismo culturale. Il 17 giugno un convegno a Lecce

0
39

Il mecenatismo nel Salento può essere un affare. Puntare su cultura e spettacolo è un investimento redditizio per il patrimonio di tutti.


Lecce – Venerdì 17 giugno a partire dalle ore 9 il Convitto Palmieri in piazzetta Carducci a Lecce ospita il convegno dal titolo “Art Bonus: i benefici fiscali del mecenatismo culturale”.

Oggi ci sono le condizioni per cambiare rotta e puntare alla crescita consapevole ed organizzata di due settori sempre più spesso bistrattati. L’Art Bonus permette di offrire ossigeno economico a chi effettua erogazioni liberali in denaro per favorire la cultura e lo spettacolo. Come previsto dal DL si potrà godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito d’imposta.

I lavori verranno aperti dai saluti del presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili  di  Lecce,  Fabio  Corvino, del presidente onorario della Fondazione  Messapia dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Lecce, Rosario Giorgio Costa, del direttore  del  Museo  “S. Castromediano”  di  Lecce  e  coordinatore  dei  poli bibliomuseali  della Regione Puglia, Luigi De Luca, dell’assessore alla Cultura, alla valorizzzione del patrimonio dei beni culturali e pubblica istruzione del Comune di Lecce, Fabiana Cicirillo e del presidente Ance Lecce Valentino Nicolì.

A seguire l’intervento su Risorse e strumenti per la conservazione dei beni culturali a cura della soprintendente Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce, Francesca Riccio e del responsabile area funzionale Patrimonio Architettonico Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce, Antonio Zunno.

A partire dalle 10,15 gli interventi “Art Bonus: uno strumento normativo per favorire il mecenatismo culturale” a cura di Carolina Botti – Ales S.p.A. Direttore referente Art Bonus per il Mic; “Art Bonus e cultura sostenibile” a cura di Paola Dubini docente associata di  Management Università Bocconi Milano e “Art Bonus: aspetto fiscale ed operativo del credito  d’imposta” a cura di Viviana Capozzi Fondazione Nazionale dei Dottori Commercialisti. I lavori sono  moderati dalla giornalista Rosaria Bianco.

La partecipazione  al convegno attribuisce 4 Crediti formativi per la formazione professionale e continua dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

La legge di stabilità 2016 ha stabilizzato e reso permanente l’Art bonus, agevolazione fiscale al 65% per le erogazioni liberali  a sostegno della cultura. In relazione alla qualifica del soggetto che  effettua  le  erogazioni  liberali  sono  previsti  limiti  massimi  di differenziati  di  spettanza  del credito  d’imposta. In  particolare: per  le  persone  fisiche  ed  enti che  non svolgono attività commerciale (dipendenti,  pensionati,  professionisti), il  credito  d’imposta  è  riconosciuto  nel limite del 15% del reddito imponibile; per i soggetti titolari di reddito d’impresa (società e ditte individuali)  ed  enti  non  commerciali  che  esercitano  anche  attività  commerciale  il  credito d’imposta è invece riconosciuto nel limite del 5 per mille dei ricavi annui.

“L’Art Bonus è una misura fiscale diretta a facilitare le donazioni a favore della salvaguardia del patrimonio  culturale italiano – commenta  il  presidente  dei  Dottori  Commercialisti  ed  esperti contabili della provincia di Lecce, Fabio Corvino -. Restauri, manutenzione e protezione sono gli interventi al centro del nuovo e crescente mecenatismo culturale nazionale. Questo momento di approfondimento punta a coinvolgere, con la massima trasparenza e tracciabilità, i maggior numero di privati ed aziende a sostegno dell’inestimabile valore dei beni  culturali  a  sostegno dello  sviluppo  del  comparto  turistico.  Nel  Salento  sono  tanti  i  beni  che  possono  essere recuperati e riportati agli antichi fasti, offrendo nuovi opportunità di visita e d’esperienza al flusso turistico sempre più numeroso che sta caratterizzando il territorio”.