“Verba Manent”, l’opera prima di Antonio Rizzo, si presenta a Novoli il 19 settembre

0
598

Verba ManentNovoli (Le) – Sarà presentata domani, 19 settembre 2015 alle ore 20.15 nella Chiesa dei Padri Passionisti, a Novoli, l’opera prima del medico ortopedico Antonio Rizzo, “Verba Manent” (Ed. Pensa),  un saggio che, attraverso il fantastico intreccio tra scienza e fede, traccia un percorso narrativo su temi di grande attualità.

L’iniziativa rientra tra le attività organizzate dall’Associazione culturale “Viva Mente”. Introdotti e coordinati da Maria Rosaria Teni, interverranno Padre Silvano Fiore (Superiore della Comunità Passionista di Novoli), Mons. Flavio De Pascali (Padre Spirituale presso il Seminario Teologico di Molfetta), don Antonio Pellegrino (Parroco emerito di Trepuzzi), Piergiuseppe De Matteis (Medico e Consigliere Comunale a Novoli) e l’avv. Cosimo Rampino. Intermezzi musicali a cura di Vittorio Rizzo.

Antonio Rizzo è medico specialista in ortopedia, coautore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali del settore. La sua attività medica abbraccia anche altre branche, quali omeopatia, medicina funzionale regolatoria, fitoterapia, bioenergetica. I suoi interessi si estendono a diverse discipline: psicologia della salute, psicologia positiva, psiconeuroendocrinoimmunologia, fisica quantistica, noetica, neurobiologia, epigenetica, secondo un modello “olistico” di diagnosi, prevenzione e trattamento della malattia. dedica particolare attenzione alla spiritualità, considerata indispensabile per il raggiungimento di uno stato di salute psico-fisica ottimale. Studioso dell’etimologia e del valore semantico delle parole, ama approfondire l’analisi della parola di Dio secondo i testi originali in greco e latino. “Verba manent” è il suo primo lavoro letterario ed è incentrato fondamentalmente su due cardini imprescindibili ed essenziali nella vita di ogni uomo: Scienza e Fede, evidenziando, attraverso un linguaggio semplice, ma rigoroso, i punti in comune tra di essi, considerati in antitesi per antonomasia.