Uni-Bologna: quando l’università si apre alle tematiche sociali

0
271

violenza sulle donne jpg 770786215Bologna –  Si parla sempre e tanto della sensibilità che tutte le istituzioni dovrebbero avere nei confronti del sociale e dei temi oggetto di discussione su argomenti attuali. Ma soprattutto, se la “scuola”,  intesa come luogo di formazione, è maestra di vita, allora perché non creare al suo interno le condizioni per riflettere e approfondire e magari cercare delle soluzioni valide a delle piaghe sociali degli anni 2000?

Qualcosa si muove presso l’Università di Bologna nel del corso di laurea in Filosofia.

All’interno del percorso curriculare è stato inserito un seminario che tratta il tema della violenza contro le donne, della durata di 30 ore che sarà parte integrante del percorso didattico della laurea triennale in Filosofia. Il corso è iniziato lo scorso 4 febbraio ed è tenuto da Massimo Recalcati, rinomato psicanalista.

Il percorso si articola in 15 incontri nei quali poi interverranno giornalisti, sociologi, filosofi, storici ed operatori dei centri antiviolenza.

L’università come culla e come istituzione preposta alla trasmissione del sapere rende gli studenti parte di percorsi sovradisciplinari, che sono perfettamente integrati con le materie studiate ma che soprattutto permettono di essere informati e formati sui problemi sociali odierni.

Il tema della violenza contro le donne ha bisogno di una analisi rigorosa, ha bisogno di comprensione delle cause dalle quali si sprigiona il fenomeno ma soprattutto ha bisogno di soluzioni per contrastarlo.

Questi sono gli anni più bui per i femminicidi, si parla dell’uccisione di una donna ogni due giorni e per di più di efferati omicidi che si consumano nell’ambito familiare.

Cerchiamo di prestare attenzione a questi temi ma soprattutto si spera che l’esempio dell’Università di Bologna possa essere seguito da tutti gli atenei italiani.

Ci si augura che anche l’Università del Salento, da sempre molto attenta alle tematiche sociali, possa essere sensibile al tema e che in una prospettiva non lontana possa creare dei percorsi di studio formativi che si aprano alla società, ancora più calati nella realtà quotidiana.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleOriginale e coinvolgente: di scena a Novoli “Il Dottor Mefisto”
Next articleCompleti nel loro genere: la storia dei Finething, in gara al New Sounds Music Contest