IMPROVVISART: quando il teatro diventa un gioco

0
271

Improvvisart M.LiuzziLecce – Venerdì 16 gennaio alle ore 21 presso la Ergot, nella città barocca, si terrà il primo appuntamento della stagione 2015 di “Improgames”, programma di improvvisazione teatrale a cura di Improvvisart e l’Officina Amatori Impro.

Lo spettacolo, secondo lo stile tipico del teatro senza copione, vedrà avvicendarsi sul palco gli attori della compagnia di Improvvisart che improvviseranno, appunto, sui temi più svariati, senza costumi e scenografie o altri orpelli artistici.

I vari argomenti o “games” saranno suggeriti dal pubblico che di volta in volta interverrà entusiasmando, incuriosendo o mettendo in difficoltà gli attori. Essi alterneranno momenti ludici e comici a momenti di poesia e suspence drammatica.

Del resto è proprio questo lo stile ed anche la migliore dimostrazione della compagnia degli attori che improvvisano, senza sapere cosa diranno e come si destreggeranno tra le richieste e gli input del pubblico.

È l’essenza della drammaturgia; la stessa Officina Amatori Impro è il luogo nel quale si realizza la sperimentazione più pura, dove ci si diverte e ci si mette alla prova come uomini da palcoscenico.

Se dunque il teatro è finzione poiché in esso si mettono in scena dei drammi già confezionati, è pur vero che il teatro può divenire anche la massima espressione dell’essere dell’artista che improvvisa.

Solo in quel momento sarà possibile vedere la sua bravura nel rappresentare la finzione nella realtà. Improvvisart nasce proprio con quest’intento e continua così ad accattivarsi il favore de pubblico.

L’evento, che ha disponibilità di posti limitata, si terrà presso le Officine Culturali Ergot di Via Palmieri e con un contributo esiguo si potrà assistere alle performance teatrali.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleÈ festa (2)
Next articleDal Salento in Germania: i talentuosi “Fratelli Filieri”