Spiagge inaccessibili a Porto Cesareo a causa della Posidonia oceanica e di alghe maleodoranti: turisti e residenti protestano

0
1147

alghe spiaggiaPorto Cesareo (Le) – Un uomo di mezza età si è incatenato dalle 10.30 alle 12.00  nel litorale compreso tra i villaggi “Punta Grossa” e “Riva degli Angeli”. Il motivo della protesta sarebbe stato la non accessibilità alla spiaggia dovuta alla presenza di una ingente quantità di alghe maleodoranti e Posidonia oceanica deposta sulla stessa.

Già in passato, privati cittadini, si occupavano della pulizia del litorale ma ora sembra che quest’ultimo sia stato abbandonato a se stesso.

I turisti, desiderosi di trascorrere una splendida giornata al mare, notando questo fenomeno hanno pensato bene di fare “retro front”, allontanandosi risolutamente anche per via dell’odore disgustoso e indisponente emanato dal deposito delle alghe.

Lo stesso accade per i residenti che fino ad oggi non hanno avuto accesso alla balneazione e che con la raccolta di ben 150 firme – solo nella mattinata di ieri – hanno cominciato a “tuonare” facendo udire la loro voce di protesta.

Non è una bella notizia  per l’amministrazione locale dato che Porto Cesareo trae proprio dal turismo la maggiore fonte di visibilità e reddito, oltre ad essere più volte stata oggetto di attenzione da parte dei Media per la bellezza delle sue spiagge.

Intanto, il sindaco Salvatore Albano – dal canto suo – ha rassicurato le famiglie, recandosi “in loco”, con la promessa che entro otto giorni le alghe e la Posidonia verranno rimosse.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, Zona “D’Agostino”: un quartiere a metà
Next articleL’analisi Mondiale: Brasile-Germania 1-7. Le chiavi del dominio tedesco