CasAmare, a Trepuzzi il 15 giugno l’evento conclusivo con BlaBlaBla e Culturambiente

0
158

Il progetto di educazione ambientale che ha coinvolto cinquanta bambini del Nord Salento tra riciclo, arte, eventi di sensibilizzazione, volge al termine con un incontro in piazza per tutta la comunità e due mostre urbane tra Casalabate e Trepuzzi.


Trepuzzi (Le) – Quanto è diventato fondamentale negli ultimi anni educare alla bellezza del nostro patrimonio ambientale, difendere il paesaggio? Quanto la concezione del rispetto del bene comune è realmente radicato? Domande complesse che troppo spesso si scontrano con realtà che non vorremmo vedere e con le quali le istituzioni, gli operatori ambientali e culturali hanno a che fare di continuo.

Dal Nord Salento, territorio particolarmente fragile dal punto di vista ambientale in cui tanto si fa, ed ancora tanto lavoro c’è da fare soprattutto sul fronte della percezione del bene comune e paesaggistico, è arrivato nel marzo scorso un vento buono che sa di cura e creatività: CasAmare, un progetto di educazione ambientale tra riciclo, arte, eventi di sensibilizzazione, progetto promosso dall’Associazione Culturambiente, insieme all’azione creativa dell’associazione BlaBlaBla. Il progetto è vincitore del concorso Orizzonti solidali, promosso dalla Fondazione Megamark in collaborazione con supermercati A&O, Dok, Famila, Iperfamila e con il patrocinio della Regione Puglia e del suo assessorato al Welfare. Sono quelle piccole, ma capillari azioni che possono indirizzare concretamente la visione dei nuovi cittadini del mondo, i bambini coinvolti, attraverso l’aiuto di gioco e arte.

Per dar vita ai laboratori creativi condotti dagli operatori di BlaBlaBla, una grossa mole di piccoli oggetti in plastica dei più svariati tipi e colori, raccolti in inverno sulle nostre coste, sono stati portati a Trepuzzi, è partita così la cinque giorni di attività creativa con cinquanta bambini dai 4 ai 10 anni. Dall’osservazione degli oggetti, alla riflessione guidata sulla loro origine e la comprensione delle problematiche ambientali attraverso giochi e letteratura, per poi passare all’azione creativa. I bambini hanno utilizzato sia gli oggetti-rifiuti del mare sia oggetti riciclabili di uso quotidiano per la creazione di piccole opere d’arte.

Le opere create dai bimbi sono state installate nei giorni scorsi in Piazzetta Padre Pio, a Casalabate, nel centro abitato, poco distante dal mare, trasformando il luogo in una mostra a cielo aperto, per trasmettere il suo messaggio importante agli occhi di grandi e piccoli, poco prima della stagione estiva: cura il bene comune come curi il tuo ambiente privato.

Anche in questa occasione, venerdì 15, alle 18, in Largo Margherita a Trepuzzi, l’ambiente urbano sarà arricchito dall’installazione dei manufatti prodotti dai bambini durante i laboratori e sempre su Largo Margherita, sarà allestita una mostra collaterale a quella di Casalabate, collegando idealmente e visivamente i due luoghi del progetto sotto il segno della riflessione sull’importanza del paesaggio e del bene comune. A conclusione della giornata, tutti saranno invitati a partecipare a “Cartoline da CasAmare”, in cui bambini ed adulti potranno compilare delle vere e proprie cartoline con slogan e frasi per sensibilizzare su tutto ciò che è riciclo, ambiente, ecosistema, paesaggio, cura del mare.