Novoli, la Fòcara si veste di rosa. Anche le donne al lavoro sulla grande pira, su iniziativa del Rione Stazione

0
761

Antonio Abate e la Focara

Rosa FocaraNovoli (Le) – La focara si veste di rosa. Per la prima volta nella storia della secolare tradizione novolese, un nutrito gruppo di donne scenderà in piazza per lavorare alla costruzione della “focara”, il tradizionale falò che ogni anno viene acceso la sera del 16 gennaio in onore di Sant’Antonio Abate.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Rione Stazione di Novoli” ed ha trovato subito l’adesione di numerose volontarie che si uniranno agli uomini del Comitato Festa Sant’Antonio Abate per offrire una giornata di lavoro a devozione del Patrono di Novoli.

Le “donne della fòcara” si ritroveranno domani mattina, 10 gennaio, alle ore 8.30, in Piazza Tito Schipa dove riceveranno la benedizione del parroco don Luigi Lezzi e poi, guantoni alle mani, inizieranno i lavori che da sempre sono stati affidati agli uomini del paese.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Novoli Gianmaria Greco e dal presidente del Comitato festa Eriberto Milli.

“Tra le tante novità di quest’anno registriamo con grande piacere anche l’adesione delle donne volontarie per la costruzione della focara”, sottolinea il sindaco Gianmaria Greco. “È una iniziativa che ci inorgoglisce perché abbatte secolari barriere che vedevano solo gli uomini del paese impegnati nella costruzione della focara. Siamo certi che con la propria sensibilità le donne daranno un contributo prezioso per rinsaldare la nostra tradizione e quel legame forte della comunità novolese con il Santo Patrono Antonio Abate. Grazie all’associazione Rione stazione per aver promosso l’iniziativa”.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Fuori Traccia” per rompere gli schemi senza perdere la testa. Festa della Salute Mentale a Lecce
Next articleNovoli, rubata in chiesa la statuetta del bambin Gesù