Novoli, per la gioia dei più piccoli, torna Babbo Natale, grazie al Rione Stazione (2)

0
80

La posta di Babbo Natale locandinaNovoli (Le) – Anche per quest’anno l’Associazione “Rione Stazione” ha organizzato La Posta di Babbo Natale, un evento pensato per i più piccoli. 
Domani, 22 dicembre, alle ore 15.00, il vecchietto amato da tutti scenderà dal treno in Piazza Stazione, salirà sulla sua slitta e, accompagnato dal corteo dei piccoli Elfi, si recherà alla Casa del Fanciullo, in Piazza Sant’Antonio, dove leggerà le letterine dei bambini.

In questi giorni sono state distribuite le cassette delle letterine nei vari istituti scolastici, pubblici e privati. Chi non farà in tempo a “imbucare” la propria letterina a scuola potrà consegnarla direttamente a Babbo Natale il giorno della manifestazione. Musica e danza allieteranno la serata.

In caso di pioggia l’evento si svolgerà direttamente alla Casa del Fanciullo.

La Posta di Babbo Natale vuole essere un momento di spensieratezza e gioia per piccoli e grandi, un incontro magico che farà ancora una volta battere il cuore più forte e far scendere qualche lacrima per la commozione. Sentir leggere la propria letterina e sperare che i propri sogni e desideri si possano avverare…

Quest’anno l’evento sarà dedicato a tutti quei bambini vittime di violenze e soprusi.

Un particolare ringraziamento al “Rione Stazione”, promotore dell’evento, ma anche ai vari istituti scolastici, alla Scuola di Musica Harmonium e il Centro Danza “Il Sogno”. Un ringraziamento va anche all’amministrazione comunale di Novoli ed al nuovo parroco Don Luigi Lezzi per aver concesso il salone parrocchiale.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNasce l’Associazione Culturale “Filippu e panaru”, in ricordo del giovane Filippo Fasanelli, scomparso a soli 19 anni
Next articleUna personalità narcisista …