Lecce, al secondo posto tra le città più felici d’Italia nel 2014 (2)

0
21

Anfiteatro Lecce

Lecce – La “Firenze del Sud”, il capoluogo salentino, meta di turisti, di appassionati d’arte e delle bellezze che questa splendida città offre, è al secondo posto dopo Cagliari tra le città più felici del 2014.

La classifica viene stilata ogni anno, ma i dati sono disponibili anche aggiornati giorno per giorno, dall’ indicatore iHappy che misura il sentimento della rete attraverso un’analisi semantica del tenore dei tweet che le persone pubblicano su Twitter.

Ciò ha permesso di stilare la classifica delle felicità delle 110 province italiane, nella quale svetta Cagliari con un 67,4% di tweet felici. Al secondo posto c’è Lecce, quindi Genova, Parma e Brindisi a chiudere la top 5.

La Sardegna con il suo mare e con la sua qualità della vita è molto simile alla nostra Puglia anche per il clima e per il benessere generale della popolazione. Lecce, quindi continua ad essere sempre in posizioni ragguardevoli e lodevoli per il suo splendore. Non possiamo che augurarci di vederla in prima posizione nella prossima classifica!

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article22 Marzo Giornata Mondiale dell’acqua
Next articleNovoli, un poker per la matematica salvezza