“Young Europe”, primo film al mondo realizzato da una Forza di Polizia, la sicurezza stradale arriva su sky

0
218

youngGiovedì 2 luglio, per la prima volta in televisione sul canale Sky Cinema Cult , è andato in onda “Young Europe”, il primo lungometraggio al mondo realizzato da una Forza di Polizia, cui seguirà una ulteriore programmazione nei giorni successivi anche sul canale digitale terreste SkyTg24 DTT. Il film, prodotto dalla Polizia di Stato e diretto da Matteo Vicino, è stato cofinanziato dalla Commissione Europea, con il coordinamento scientifico del Dipartimento di Psicologia dell’Università Sapienza e con la collaborazione della Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale, nell’ambito del Progetto europeo sulla sicurezza stradale denominato “ICARUS”.

Il progetto ha visto la Polizia Stradale capofila in Europa, con una ricerca scientifica che ha coinvolto 14 Paesi dell’Unione ed un manuale didattico per l’educazione stradale tradotto in tutte le lingue europee. La proiezione del film è stata anticipata da spazi di approfondimento, in onda sui canali SKY, nel corso dei quali sono stati affrontati alcuni tra i temi più attuali come guida alterata da alcol e droga, comportamenti scorretti e campagne di educazione alla sicurezza stradale.

Il film, girato in quattro Paesi Europei -Italia, Francia, Irlanda, Slovenia-, racconta le storie di ragazzi accomunate dalla triste esperienza dell’incidente stradale che cambia per sempre le loro vite. Il filo rosso delle emozioni e degli errori sulla strada che lega le varie vicende vuole far riflettere i giovani per sviluppare il loro senso critico ma rappresenta anche un monito al mondo degli adulti che spesso non offrono un buon esempio.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLocomotive 2015 Dieci anni. Dieci giorni.
Next articlePorto Cesareo propone “Un’estate al museo”, iniziativa per adulti e bambini