Seggiolini, automobilisti sempre più imprudenti ed indisciplinati

0
374

SeggiolinoOltre il 60% dei bimbi viaggia in auto senza seggiolino, malgrado la legge ne imponga l’uso e le industrie lo propongano con standard sempre più elevati di sicurezza e comfort, come dimostrano gli ultimi test dell’ACI e dei principali Automobile Club internazionali su 30 modelli in commercio. L’83% dei dispositivi ha superato l’esame: 1 con il massimo dei voti, 15 sono stati giudicati “buoni”, 6 “soddisfacenti”, 2 “appena sufficienti”. Cinque i bocciati.

Probabilmente, ai genitori al volante, sfugge che gli incidenti stradali sono la prima causa di morte nella fascia d’età fra i 5 e i 14 anni. Tanto che il Codice della strada (articolo 172) è intollerante con gli indisciplinati (306 euro di multa e decurtazione di 5 punti sulla patente e, qualora l’infrazione fosse reiterata entro due anni dalla prima, scatta la sospensione del permesso di guida fino a 2 mesi.). 

Troppi automobilisti però hanno una scarsa cultura della sicurezza, anche a scapito dei propri figli come ad esempio il fatto di non leggere bene le istruzioni d’uso. Un passaggio fondamentale perché non posizionare o non usare correttamente i seggiolini ne compromette l’efficacia. Le regole per far viaggiare sicuri i bambini sono semplici. Innanzitutto devono essere alloggiati in un seggiolino adatto al loro peso. in media, i seggiolini vanno utilizzati sino ai 12 anni. Le cinture di sicurezza e gli airbag sono, infatti, progettati per gli adulti e non offrono una protezione corretta ai bambini, risultando addirittura pericolosi per i più piccoli in caso di incidente. Per questo motivo va disattivato l’airbag del passeggero nel caso in cui si viaggi con il seggiolino ancorato sul sedile a destra del guidatore. In fase d’acquisto va controllato anche l’omologazione. Il Gruppo O è adatto a bambini dal peso incluso tra i 0 e i 13 Kg, il Gruppo I tra 9 e 18 Kg, il Gruppo III, infine, tra i 22 e i 36 Kg.

Ecco alcune semplici regole per usare correttamente i seggiolini.

COSA FARE

1. chi lo deve usare: l’obbligo di utilizzare il seggiolino per i bambini mentre si viaggia in auto è obbligatorio sino a quando non superano l’altezza di 150 cm
2. come sceglierlo: bisogna conoscere il peso del bimbo, verificare che il seggiolino abbia l’etichetta d’omologazione, valutare il sistema di ancoraggio e l’assistenza
3. leggere le istruzioni: leggere con estrema attenzione le istruzioni per capire come ancorare il seggiolino all’auto in maniera sicura e come posizionare il bimbo
4. usarlo sempre: usarlo anche per bravi tragitti e controllare il posizionamento corretto perché l’uso sbagliato aumenta di 7 volte il rischio di lesioni gravi o mortali
5. posizionarli bene: la posizione più sicura sulla quale montare il seggiolino all’interno dell’auto è il sedile posteriore (meglio se quello centrale e se monta una cintura a 3 punti)

COSA NON FARE

1. tenerli in braccio: non tenere mai in braccio il bambino perché, in caso di incidente, non vi è nessuna sicurezza e non usare la cintura perché è studiata solo per gli adulti
2. riutilizzarlo dopo gli urti: acquistarne uno nuovo dopo un incidente anche lieve perché potrebbe aver subito danni strutturali che ne compromettono le caratteristiche di sicurezza
3. riempire la cappelliera: non riporre oggetti voluminosi o contundenti sulla cappelliera perché in caso di frenata brusca o incidente potrebbe ferire i bimbi e i passeggeri
4. lasciarli soli in auto: non lasciare mai il bimbo solo dentro l’auto e evitare che possa avere oggetti da inserire fra il corpo e la cintura che in caso d’urto lo possano ferire
5. le cinture slacciate: allacciare bene le cinture di sicurezza del seggiolino perché, in caso d’incidente, anche a bassa velocità (15km all’ora) può essere letale

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, quattro “Giovanissimi” convocati in Nazionale
Next articleLerda: “Il Pontedera non è lì per caso”