Novoli, il 9 gennaio appuntamento a teatro con “Golondrinas – Le rondinelle – Storie di emigranti novolesi in Argentina”

0
371

Gennarino carissimo … così cominciano le lettere dall’Argentina di Pietro D’Elia al fratello più piccolo. E col tempo diventano un diario intimo.

GolondrinasNovoli (Le) – Venerdì 9 gennaio alle ore 20:00 presso il teatro comunale di Novoli si terrà il recital “Golondrinas – Le rondinelle – Storia di emigranti novolesi in Argentina”. Fortemente voluto da Anna Maria De Luca, presidente di “Festina Lente”, libera associazione di pensieri meridiani – apolitica, apartitica e senza fine di lucro – che si propone di difendere, valorizzare e promuovere l’identità del territorio salentino, riconsiderando l’intera area alla luce delle peculiarità socio-culturali e favorendo occasioni di confronto e scambio con altre realtà ed  il recupero della memoria storica e dell’appartenenza.

Durante la serata verranno letti stralci dell’epistolario “Gennarino carissimo”. 

“C’è un’altra Novoli al di là dell’oceano – dice Anna Maria De Luca–  nipoti e pronipoti dei tanti emigranti che agli inizi del secolo scorso hanno lasciato il paese per cercar fortuna nelle terre del Plata. Verranno raccontate le vicende di alcuni di loro”. 

È solo il primo passo; l’obiettivo è quello di raccogliere storie di partenze e di addii che arricchiscano il Centro Permanente di Studi sull’Emigrazione, recentemente istituito all’interno dell’Associazione. È intenzione della stessa, inoltre, attivarsi presso gli Enti Locali per l’istituzione di una giornata dedicata all’emigrante novolese.

Di seguito il programma della manifestazione

Ore 18:00 saluto delle Istituzioni, interverranno: Oscar Marzo Vetrugno, Sindaco di Novoli; Tonio Pino, Consigliere Comunale con delega alle attività produttive; Giuseppe Maria Taurino, Presidente del GAL Valle della Cupa; Cosimo Valzano, Presidente Consorzio Comuni Valle della Cupa.

Ore 18:30 Tavola Rotonda, in collaborazione con il Gal Valle della Cupa, sul tema  “Emigranti Italiani in Argentina, tra identità e appartenenza” 
Presentazione del progetto “Pugliesi nel mondo”, descrizione dell’attività di laboratorio dell’emigrazione, raccolta del materiale sull’emigrazione.
Interverranno: Antonio Perrone, direttore Gal Valle della Cupa; Giovanna Genchi, dirigente servizio internazionalizzazioni Regione Puglia; Marina Gabrieli, ricercatrice presso l’Università di Roma Tor Vergata, esperta di studi sull’emigrazione; Michele Macrì, ricercatore in sistemi giuridici e politico-sociali comparati presso l’Università del Salento; Eugenio Imbriani, professore di Antropologia Culturale Università del Salento e componente Comitato Scientifico Fondazione Fòcara; Paolo De Falco, regista, direttore dell’Archivio Liquido delle identità. Modera: Cosimo Valzano – presidente del Consorzio dei Comuni della Valle della Cupa.

Ore 20:00 RECITAL : GOLONDRINAS – Le rondinelle Storie di emigranti novolesi in Argentina

La performance prevede, tra l’altro, la lettura di alcune lettere tratte dall’epistolario “Gennarino carissimo” arricchito dall’esibizione di tangueros e dalla preziosa partecipazione dei bambini delle classi V dell’Istituto Comprensivo di Novoli.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleL’analisi: Lecce, i perché dell’impossibile
Next articleDal 11 gennaio, al teatro di Novoli, torna la stagione di prosa e danza