Festival delle Culture Mediterranee: tutto pronto ad Andrano per la seconda edizione

0
289

Festival delle Culture 2015Andrano (Le) – Inizia oggi ad Andrano, in provincia di Lecce, la II edizione del Festival delle Culture Mediterranee. In calendario, da venerdì 4 fino a domenica 6 settembre: cultura, arte, libri, musica e teatro.

Questa sera, alle ore 20:00, dopo i saluti istituzionali del sindaco, Mario Accoto, si aprirà la rassegna con il dibattito “Le conseguenze del Califfato: cosa cambia nello scacchiere mediorientale e nel Mediterraneo” con Roberto Aliboni, esponente dell’Istituto Affari Internazionali, Cinzia Nachira, ricercatrice dell’Università del Salento, e Bruno Musarò, Nunzio Apostolico in Egitto. Modererà l’incontro Tonio Tondo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno.

Harun Or Rahid Pabel, un immigrato proveniente dal Bangladesh inaugurare la collettiva d’arte contemporanea “Mediterraneo dell’anima”. Il taglio del nastro avverrà nelle sale del castello Spinola-Caracciolo. La mostra intende unire, accogliere, abbracciare le varie culture del Mediterraneo rilevandone il lato sorprendente che dà voce alla meraviglia.

Sabato 5 l’ospite del Festival delle Culture Mediterranee, che vede la direzione artistica di Margerita Franja, sarà  Edoardo Winspeare. Nell’atrio del castello sarà proiettato il suo lavoro  “L’anima attesa. Lo sguardo di don Tonino Bello”, pellicola nata dall’idea condivisa con Carlo Bruni. Subito dopo verrà presentato il romanzo “La Grande Madre. L’eresia di Pantaleone” scritto a quattro mani da Roberta Culiersi e Carlo Chiri. Dialogheranno con gli scrittori Andrea Colella, direttore della testata Belpaese, e Gianni Bellisario, storico. La presentazione sarà intervallata da momenti musicali dal cantautore Luca Colella. Infine il corpo di ballo proveniente direttamente dalla Grecia, il Group Alkyon, si esibirà in una Cultural Dancing.

Domenica 6 settembre, ultimo giorno dell’evento, si terrà il dibattito sull’immigrazione “Le madri illuminano il sud del Mondo”con Nunzia Baglivo, coordinatrice di Emergency per il Salento, Chiara Marangio, psicoterapeuta nei centri di accoglienza e specializzata in traumi e torture estremi , Stefano Fumarulo, consulente della Commissione Parlamentare Antimafia, e l’architetto Viviana Matrangola, responsabile di Libera Memoria Internazionale ed autrice della mostra “Abbracci”. Con lo spettacolo teatrale “Andrano si racconta”, per la regia di Fabrizio Saccomanno e Fabrizio Pugliese, si chiude la II edizione del Festival, in una sorta di ritorno al passato fatto di tradizioni, di racconti di vita, di costumi. Per la tre giorni sarà proiettato nel castello il videoclip “Solo andata” del Canzoniere Grecanico Salentino. Il video, girato nel Salento a Spiaggiabella, ha visto per la prima volta come protagonista lo scrittore Erri De Luca per la regia di Alessandro Gassman. Lo storico gruppo di musica  popolare, con Daniele Durante, ha musicato il testo di una poesia di De Luca. “Solo andata” affronta il problema dell’immigrazione e vede come partner sociale Amnesty International. Nel cast oltre allo scrittore ci sono anche alcuni immigrati che vivono a Lecce. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePorto Cesareo, appalto da rivedere al museo di biologia marina?
Next articlePresentazione del libro “Cercasi broccoletti sulla Linea 33. Le storie (e le ricette) di un tranviere pugliese a Milano”