Festa della vite: Novoli si prepara a festeggiare Sant’Antonio Abate

0
585

Festa della vite 2016Novoli (Le) – I festeggiamenti per Sant’Antonio Abate sono ormai alle porte e Novoli, anche quest’anno, l’11 dicembre, si appresta a celebrare la “Festa della vite” che segnerà l’inizio ufficiale dei lavori per la costruzione della Fòcara. La simbolica posa della prima fascina è stata affidata a Maria Consiglia Ippolito, figlia di un immigrato novolese nel Belgio, allontanatosi dal suo paese natio nel 1947, per lavorare nelle miniere di Charleori. Un gesto significativo che rinsalda le radici di quanti, per cercare lavoro e fortuna all’estero, si sono allontanati da questa comunità, senza farvi più ritorno.

La manifestazione si aprirà alle ore 9.30, con il corteo che, dal Municipio, si sposterà in Piazza Tito Schipa, preceduto dal Gonfalone del Comune di Novoli e accompagnato dalla Banda Città di Poggiardo.  
A seguire, il rito liturgico della benedizione e della posa della prima fascina: a presiederlo, il parroco di Sant’Antonio Abate, don Luigi Lezzi. Avranno così inizio ufficialmente i lavori di costruzione della grande pira.
Successivamente si terrà, nel Teatro Comunale, una conferenza stampa di presentazione del programma della festa per i giorni del 16, 17 e 18 gennaio, che saranno preceduti da un mese di appuntamenti culturali. All’incontro con la stampa interverranno: Gianmaria Greco, Sindaco di Novoli; Salvatore Negro, Assessore regionale al Welfare; Luigi Manca, Consigliere regionale; Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce; Paolo Perrone, Sindaco di Lecce; Giuseppe Taurino, Sindaco di Trepuzzi e Presidente del Gal Valle della Cupa; Massimo Manera, Presidente Fondazione Notte della Taranta e Fernando D’Agostino, Presidente del Comitato Festa Sant’Antonio Abate.

Alle ore 18.30, poi, nel Palazzo Baronale di Piazza Regina Margherita, si terrà la presentazione del libro “Torno quando voglio” di Giorgia Salicandro.

Il Sindaco di Novoli e Presidente della Fondazione Fòcara, Gianmaria Greco, ha spiegato le ragioni della cerimonia di posa: “Anche quest’anno le celebrazioni in onore di Sant’Antonio Abate si aprono con la Festa della vite e l’apposizione della prima fascina per la costruzione della fòcara. Come lo scorso anno la scelta di colui che avrà il compito di fascina è caduta sulla figlia di un emigrato novolese all’estero, in Belgio, dove tanti nostri concittadini si sono recati per lavorare. Un gesto simbolico per rinsaldare il legame con il proprio territorio e con le tradizioni”.