Domani, 28 febbraio, è la Giornata mondiale sulle Malattie Rare.

0
286

UniamoNella stessa giornata a Roma si svolgerà il convegno che conclude la serie di manifestazioni programmate lungo tutta la settimana. Si parlerà della realtà socio-sanitaria in cui si collocano le malattie rare, il punto sulle ricerche in corso, il ruolo attuale del Servizio sanitario nazionale (che si caratterizza per una “copertura” molto carente delle prestazioni sanitarie esenti) e di quello che in futuro si può fare per venire incontro ai bisogni di questi nostri connazionali sfortunati. E’ necessario partire dai loro bisogni, che reclamano soddisfazione, in modo da evitare possibili odiose strumentalizzazioni, come la cronaca del caso Stamina sembra indicarci.

Nel corso dell’incontro, Uniamo (Federazione italiana malattie rare – http://www.uniamo.org ), illustrerà i risultati di Europlan II, progetto europeo coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, con un documento nel quale i pazienti faranno delle proposte per l’adozione e il miglioramento del Piano nazionale delle malattie rare e indicheranno gli obiettivi da raggiungere entro febbraio 2015.

Secondo Renza Galluppi, Presidente di Uniamo, «…priorità fondamentale è migliorare la qualità della vita delle persone affette da patologia rara. Tra i vari argomenti affrontati, ha assunto una particolare rilevanza il concetto di rete; si è discusso delle modalità di costruzione di un sistema formato da centri interconnessi tra loro in uno scenario europeo. Trattandosi di malattie rare c’è la consapevolezza che non è sempre possibile avere l’eccellenza vicino a casa ma a viaggiare deve essere la scienza e non il paziente, che deve avere le stesse opportunità in Sicilia come in Veneto».

Uno degli appuntamenti che attende il neo-insediato Governo Renzi è il varo del nuovo Patto per la salute. Nell’ambito di questo nuovo provvedimento potrebbe trovare spazio l’accoglimento delle proposte dell’associazione e dei soggetti interessati, anche se si segnala l’esistenza di numerose proposte di legge giacenti in Parlamento, nessuna delle quali però risponde pienamente alle aspettative. «Nella giornata di domani l’incontro a Montecitorio potrebbe raggiungere il risultato auspicato, con un documento unico allineato e compatibile con il Piano», conclude la Presidente Galluppi.

Speriamo che sia la volta buona!

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleBellini e Destro: arriva il nuovo corso dell’Ascoli
Next articleNovoli, all’indomani delle primarie di Fratelli d’Italia-AN, Giovanni De Luca chiede al Sindaco una verifica programmatica