Dissonorata, un delitto d’onore in Calabria. Il 14 febbraio ore 21, al Teatro comunale di Novoli

0
312

Prosegue la stagione di prosa al Teatro comunale di Novoli: domenica 14 febbraio alle 21.00 è la volta di uno degli appuntamenti più attesi con lo spettacolo che ha fatto conoscere in Italia Saverio la Ruina, attore autore e regista calabrese che proprio con questo suo primo ritorno sulle scene con “Dissonorata” dal 2006 ha ottenuto alcuni tra i maggiori premi del teatro italiano.

Premio UBU 2007, “Migliore attore italiano”, “Migliore testo italiano”, Premio Hystrio alla Drammaturgia 2010, Premio Lo Straniero 2015, Premio ETI – Gli Olimpici del Teatro 2007, Nomination “Migliore interprete di monologo”, Premio Ugo Betti per la drammaturgia 2008, “Segnalazione speciale”


Dissonorata foto Angelo MaggioNovoli (Le) – Lo spettacolo “Dissonorata”  è scritto e interpretato da Saverio La Ruina con le musiche dal vivo di Gianfranco De Franco e la collaborazione alla regia e contributo alla drammaturgia di Monica De Simone, luci Dario De Luca e organizzazione e distribuzione Settimio Pisano.

“Spesso, ascoltando le storie drammatiche di donne dei paesi musulmani, mi capita di sentire l’eco di altre storie. Storie di donne calabresi dell’inizio del secolo scorso, o della fine del secolo scorso, o di oggi. Quando il lutto per le vedove durava tutta la vita. Per le figlie, anni e anni. Le donne vestivano quasi tutte di nero, compreso una specie di chador sulla testa, anche in piena estate. Donne vittime della legge degli uomini, schiave di un padre-padrone. E il delitto d’onore era talmente diffuso che una legge apposita quasi lo depenalizzava”.

Partendo dalla “piccola” ma emblematica storia di una donna calabrese, lo spettacolo offre lo spunto per una riflessione sulla condizione della donna in generale. Parlando del proprio villaggio, parla della condizione della donna nel villaggio globale. Nello spettacolo risuonano molteplici voci di donne. Voci di donne del sud, di madri, di nonne, di zie, di loro amiche e di amiche delle amiche, di tutto il parentado e di tutto il vicinato. E tra queste una in particolare. La “piccola”, tragica e commovente storia di una donna del nostro meridione. Dal suo racconto emerge una Calabria che anche quando fa i conti con la tragedia vi combina elementi grotteschi e surreali, talvolta perfino comici, sempre sul filo di un’amara ironia.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePerucchini para, Mosca sbaglia: a Catania è 0-0
Next articleTrepuzzi, un amore alla frutta: Fragolina e i risvolti di una presunta attività “a gestione familiare”