Campi Salentina, Tu!… Noi!… appuntamento il 22 marzo con la rappresentazione della Passione di Cristo

0
595

Nel momento nel quale tutto sembra perduto, nel momento del dolore, nel quale tante persone sentono come il bisogno di scendere dalla croce, quello è il momento più vicino alla risurrezione. La notte diventa più oscura proprio prima che incominci il mattino, prima che incominci la luce. Nel momento più oscuro interviene Dio e risuscita. Papa Francesco

 

PassioneCampi Salentina (Le) – Rappresentazione della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo, martedì prossimo, 22 marzo, ore 17.15, con il corteo attraverso le vie del centro storico, ed alle ore 18.15 con la rappresentazione sacra nella splendida cornice di Piazza Libertà. L’evento è promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive, dalla Presidenza del Consiglio Comunale e dal responsabile Marketing del Territorio è Turismo e si avvale della collaborazione del Comitato Cittadino della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo di Torre Santa Susanna. Le finalità, attraverso una rivisitazione di quello che fu un momento cruciale della storia umana e spirituale per credenti e non credenti, sono quelle di una continua e costante rivalutazione dello splendido centro storico della città di San Pompilio e di dare un senso di appartenenza attorno al mistero di Cristo a tutta la comunità.

Quest’anno, per mettere in scena la rappresentazione sacra, giunta ormai alla trentacinquesima edizione, il Comitato torrese si è avvalso della collaborazione dell’associazione culturale A Sud…, e delle compagnie teatrali Mino Di Maggio e Talenti Nascosti. Un contributo attivo viene anche dalla scuderia Equisport di Andrea Rini e Giovanni Carrozzo.

Il Comitato Cittadino della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo nasce da un’idea di Franco Tomai, di cui, nel lontano 1982, fu autore del testo e regista. Gli intenti ben precisi del comitato sono stati da sempre quelli di continuare la secolare tradizione e di portare la rappresentazione sacra dal teatro ( a volte in locali di fortuna come i frantoi) alla strada.

Il comitato ha portato lo spettacolo in diverse realtà nazionali ed internazionali – Germania nel 1986 e 1990, nelle province di Benevento ed Avellino nel 1991 e 1992. L’attaccamento al teatro sacro di Franco Tomai è tanto da spingerlo ad aderire a Europassion, un sodalizio a livello nazionale che agglomera realtà italiane di teatro sacro; attualmente sono 35 le compagnie teatrali che sono iscritte ad Europassion.

Mentre Europeace, di cui il comitato fa parte, agglomera 15 nazioni dell’Europa con compagnie di teatro sacro. In occasione della nomina a capitale della Cultura Europea della città di Matera, che avverrà nel 2019, il comitato sarà presente con la sua rappresentazione teatrale.

Il ministero dei beni culturali ha raccolto tutte le notizie necessarie sulla passione di Cristo per presentare la candidatura delle compagnie teatrali dedite al teatro sacro presso l’Unesco al fine di ottenerne il riconoscimento di  bene culturale immateriale.

La realizzazione dell’evento quasi a costo zero per il comune, è stata resa possibile grazie al capillare lavoro degli organizzatori che hanno saputo coinvolgere le attività commerciali che hanno sposato con entusiasmo l’iniziativa! Parrocchie, commercianti, artigiani.. insomma l’intera comunità civile gradisce il ritorno delle tradizioni e vi partecipa con tutti i mezzi a disposizione che vanno dai contributi in denaro fino al semplice ma prezioso coinvolgimento nell’organizzazione!