Porto Cesareo, presentato il progetto di riqualificazione di un tratto del cordone dunale confiscato alla mafia

0
373

Cordone dunalePorto Cesareo (Le) – Si è concluso in questi giorni, nell’Amp Porto Cesareo (Lecce), un importante intervento di risanamento di un tratto di cordone dunale, sito in località ‘Riva Degli Angeli’ lembo nord della Costa di Porto Cesareo-Torre Lapillo danneggiato nel tempo dal transito e dallo svolgimento di attività antropiche.

 

Le attività progettuali, sono state finanziate con fondi erogati dal’MATTM (Ministero Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) all’Area Marina Protetta “Porto Cesareo” con un co-finanziamento del Comune di Porto Cesareo, ha interessato una vasta area costiera, di circa quattro ettari, espropriata alla mafia, precisamente alla Sacra Corona Unita.

L’obiettivo del progetto di riqualificazione è verificare l’efficacia di tecniche di ingegneria naturalistica per il ripristino morfologico ed ambientale del sistema dunale e retrodunale, la cui conservazione è molto importante, poiché costituisce di fatto la naturale riserva di sabbia per la spiaggia. Questo tipo di attività una volta terminate  inoltre, svolgerà un’importantissima azione di difesa dall’ingresso delle mareggiate e dai venti salmastri a tutela del prezioso ecosistema, garantendo una valida difesa contro l’erosione costiera.

L’area confiscata alla mafia circa una decina di anni addietro dalla DDA di Lecce, è stata affidata al Comune di Porto Cesareo che insieme all’Area Marina Protetta Porto Cesareo ed all’Associazione Libera di Don Luigi Ciotti, tramite la stipula di un protocollo d’intesa, hanno promosso interventi per restituire questo splendido tratto di costa alla pubblica fruizione in modo eco-sostenibile e secondo un rigido criterio di equità sociale ed utilità comune.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, raccolta differenziata: al via una serie di incontri pubblici informativi
Next articleSALENTO GUITAR FESTIVAL : Galà 2015 Summer Edition