Porto Cesareo, con Loredana Bio per trasformare i rifiuti in arte

0
550

Murales 1Porto Cesareo (Le) – Finalmente terminati i lavori di ristrutturazione dei bagni pubblici della marina ionica, cominciati grazie a un’iniziativa che ha visto la collaborazione del Comune di Porto Cesareo, della Provincia di Lecce, di Legambiente, della Bianco Igiene Ambientale srl e dell’artista Loredana Bio.

Il progetto prevedeva l’abbellimento della struttura attraverso la realizzazione di diversi mosaici mediante l’utilizzo di materiali di recupero come piastrelle, piatti vecchi, vetri rotti e altri oggetti che diversamente sarebbero finiti nei rifiuti. Negli ultimi giorni di lavoro tra l’altro, proprio in occasione della giornata  mondiale dell’arte, i ragazzi dell’Istituto Statale Comprensivo di Porto Cesareo sono stati protagonisti di un bellissimo laboratorio di mosaico, tenuto dalla stessa Loredana in loco, che li ha resi artefici con lei dell’opera. Un’esperienza unica e coinvolgente per tutti i partecipanti, sicuramente finalizzata alla sensibilizzazione del senso civico degli “uomini” del futuro.

Paisemiu.com ha intervistato Loredana Bio, per sapere qualcosa di più su un’artista che in ogni sua opera lascia una piccola “tesserina” di sè.

Loredana, puoi raccontarci un po’ delle tue origini?
Sono nata in Germania ed ho vissuto itinerante già con mia madre. Fortunatamente ho viaggato molto e ho conosciuto molte culture: dalla Germania all’Italia, dalle Isole Canarie all’Inghilterra e poi di nuovo in Italia. Sono tornata da circa 6 anni a Gallipoli, il paese di mio padre.

Da quanto tempo lavori come mosaicista e piastrellista?
Lavoro da oltre dieci anni con le piastrelle, dopo aver lavorato 10 anni nella ristorazione. Ho smesso definitivamente per dedicarmi completamente all’arte.

Murales 2Come è stato passare a imparare un nuovo mestiere?
Ho trovato molto difficile iniziare, anche perché non ho trovato mai un maestro che mi spiegasse come si lavorasse o i trucchi del mestiere. Sono un’autodidatta, ho imparato seguendo unicamente la passione per l’arte.

Viaggiando tanto, hai realizzato opere fuori dall’Italia?
Ho fatto alcune opere per privati a Tenerife. Per due anni ho insegnato mosaico in una scuola superiore di arte in inghilterra e lì ho fatto dei lavori in case di privati e in alcune attività commerciali.

Come hai cominciato a proporre le tue opere qui in salento e in quali paesi sono state realizzate?
Quando sono tornata in Italia ho mostrato al comune di Gallipoli alcune foto dei miei lavori ed ho realizzato un primo progetto che prevedeva la ristrutturazione della fontana di piazza Carducci. Poi ho ristrutturato i bagni pubblici dell’area ittica mercatale e 4 istituti scolastici, dove sono stata capomastro. A Copertino ho fatto un mosaico su un muro esterno del mercato coperto, a Racale i bagni della scuola elementare e ora ho appena terminato i lavori ai bagni pubblici di Porto Cesareo.

È molto bello che tu riesca a “trasformare” in arte rifiuti che spesso troviamo in campagna o per le spiagge e che troppo spesso deturpano il nostro territorio. È l’unico modo in cui dimostri l’amore per la tua terra e per l’ambiente?
Sono sempre molto impegnata in cause del genere. La’ dove ci si batte contro le ingiustizie, contro l’inquinamento, io ci sono. Conduco anche diversi corsi per la salvaguardia ambientale.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, è nato un movimento civico: “Noi Voi per Novoli”
Next articleAmministrative 2014 – Quattro chiacchiere con le candidate: Alessandra Serio e Annalisa Orlando