Pesca sostenibile, dal 1 ottobre a Porto Cesareo STOP volontariato della piccola pesca

0
485

pesca-sostenibilePorto Cesareo (Le) – Al via, dal primo ottobre 2014, il fermo pesca volontario per 100 imbarcazioni e 200 pescatori della marina Jonica di Porto Cesareo. Un’esperienza di salvaguardia ambientale unica nel suo genere in tutta Italia. 

Con delibera del 23 settembre (n. 1913) la Giunta regionale pugliese, difatti, ha concesso aiuti, in cosiddetto regime de minimis, per le imbarcazioni della marineria di Porto Cesareo, per un totale di 30 giorni di fermo pesca, così come accaduto per gli anni 2011, 2012 e 2013.

Si tratta di un progetto, coordinato da Lega  Pesca Puglia e dalla Cooperativa “Pescatori dello Jonio”, nell’ambito della Misura 1.4 Piccola Pesca Costiera del Fondo Europeo della Pesca (FEP).

Il fermo pesca è una forma di autoregolamentazione che ha come unico obiettivo la salvaguardia delle risorse del mare, non solo perché si prende atto che il sovrasfruttamento delle risorse è uno degli agenti patogeni per il settore,  ma anche perché  “la piccola pesca” , dimostra la volontà e la capacità dei pescatori di darsi delle regole per salvaguardare la produttività degli stock.

“Una scelta intrapresa – spiegano il responsabile Lega Pesca Puglia, Angelo Petruzzella, e il presidente della cooperativa Pescatori dello Jonio di Porto Cesareo, Giuseppe Fanizzaper contrastare il depauperamento dei fondali di un’area marittima di particolare pregio, lungo la costa salentina. E consentire, altresì, agli operatori della piccola pesca, di aumentare la produttività”.

“Il nostro  ringraziamento – concludono Petruzzella e Fanizza – è rivolto alla Regione Puglia e al suo assessorato alle Risorse Agroalimentari per aver sostenuto, anche per il 2014, un’esperienza unica a livello a livello nazionale, e modello da mutuare anche nelle altre marinerie pugliesi e non solo”. 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePorto Cesareo, si dimette la consigliera Anna Peluso e l’Amministrazione inizia a vacillare
Next articleMigranti sbarcati a Porto Selvaggio. La barca resta incagliata a Porto Cesareo