Lecce, piovono le prime sanzioni per l’inquinamento delle spiagge. Andrea Guido: “Tolleranza zero per chi sporca”

0
872

Spiagge sporcheLecce – Prosegue senza sosta il servizio di pulizia degli arenili del Comune di Lecce e fioccano le prime multe per incivili e sporcaccioni. Dopo l’avvio degli interventi a cura degli operatori della nuova ditta appaltatrice tutte le spiagge sono oggi pulite e attrezzate con cestini e contenitori per la differenziata e, l’Assessore all’Ambiente Andrea Guido ora, dopo gli appelli al buon senso diramati durante la scorsa settimana e che, a quanto pare, non sono stati recepiti da tutti, passa ai fatti e dispone un servizio di vigilanza e controllo sul rispetto dei regolamenti comunali e dell’Ordinanza Balneare del Servizio Demanio 2015 in merito all’abbandono dei rifiuti e ai comportamenti scorretti.

“Dopo aver rivolto infruttuosamente gli ennesimi appelli ai miei concittadini e ai turisti che affollano le marine affinché diano una mano all’Amministrazione Comunale – dichiara l’assessore Andrea Guido – ho deciso di organizzare con l’aiuto del Corpo delle Guardie Ambientali in forze al mio assessorato una serie di controlli volti a prevenire tutti quei comportamenti incivili che rischiano di vanificare l’impegno del mio staff e le risorse investite da questa amministrazione. Ogni cestino danneggiato o rubato non solo compromette il lavoro degli operatori coinvolti ma danneggia l’immagine dei nostri lidi agli occhi dei visitatori e produce un aumento dei costi del servizio che, a lungo andare, si ripercuoterà sempre sulle nostre tasche, le tasche di noi leccesi. Lo stesso dicasi dei massi utilizzati come zavorre per gli ombrelloni: se non si provvede a rimuoverli dall’arenile dopo l’utilizzo, oltre a rappresentare un pericolo per le consuete passeggiate estive lungo la spiaggia, rischiano, come già è successo, di danneggiare gravemente i mezzi utilizzati per gli interventi meccanizzati dalla ditta Cento18Ambiente, aggiudicataria del servizio, procurando ritardi notevoli sulle tabelle di marcia di ogni intervento. Vogliamo che le nostre spiagge e le nostre marine si presentino salubri e pulite affinché concittadini e turisti possano trovare un litorale decoroso e attraente e affinché le aspettative dei visitatori, anche in termini di marketing territoriale, non vengano mai deluse. Per questo da ieri i ragazzi dell’Associazione Guardie per l’Ambiente, coadiuvati dagli Ispettori Ambientali e, all’occorrenza, dai Vigili Urbani, sono impegnati in controlli finalizzati al rispetto del Regolamento Comunale sui Rifiuti e dell’Ordinanza Balneare 2015. Guerra, in primis, all’abbandono dei rifiuti, di qualsiasi natura, invii comprese le cicche delle sigarette. Non sporcare le spiagge e differenziare il più possibile i rifiuti ma, soprattutto, dare una mano all’Amministrazione Comunale contribuendo con il proprio comportamento a non vanificare gli sforzi effettuati, deve essere un impegno morale per tutti. Dobbiamo comprendere che ogni piccolo comportamento incivile, se moltiplicato per gli innumerevoli cittadini e turisti ‘distratti’, porta a considerevoli danni di carattere ecologico ambientale e di sviluppo del territorio in termini turistici”. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, autoscontro in Piazza Aldo Moro
Next articleEssere #matteorenzi