“In nome della terra” il 5 novembre ad Acquarica del Capo

0
407

14907213 10211422176540451 2197990575008758338 n“In nome della terra” sarà il filo conduttore di una serie di appuntamenti organizzati da NovArìa – lascia che soffi una nuova aria il primo, che si svolgerà sabato 5 novembre, a partire dalle ore 18.30, in collaborazione con l’associazione acquaricese Bataclab, presso la sua sede (via Dante Alighieri 125/E), vedrà l’intervento della neo nata associazione squinzanese Malachianta.

Malachianta è una nuova realtà del Nord Salento che mira a contrastare l’abbandono dei terreni e la loro riqualificazione, creando nuove opportunità di lavoro nel settore agricolo, formazione adeguata, basando il tutto su due componenti fondamentali, progettualità e collaborazione.

All’ incontro interverranno due giovani imprenditori agricoli, di zone differenti, che stanno costruendo le basi del loro futuro sull’olivicoltura, tra passione e tenacia: Vito Mazzotta dell’azienda agricola “Contrada Velardi” di San Donaci e Giovanni Stendardo dell’azienda agricola  di Ugento.

Un appuntamento a cui soprattutto i giovani salentini sono invitati a partecipare

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGli intellettuali: falsi e cortesi?
Next articleFondi-Lecce: le probabili formazioni. Padalino: “Essere continui”