“Fondali Puliti”: amore e protezione dell’ambiente marino a Santa Caterina (Nardò).

0
455

locandina Fondali pulitiNARDÒ (Le) – Sabato 14 Giugno 2014 alle ore 8.00 sul litorale di Santa Caterina -marina di Nardò-  avrà luogo l’iniziativa “Fondali Puliti” atta alla salvaguardia della flora e della fauna dell’ambiente marino. I rifiuti marini hanno un impatto pesante sugli ecosistemi ma anche sull’economia e sul turismo.

Uccelli, tartarughe e mammiferi marini possono restare intrappolati nelle reti da pesca o morire per soffocamento dovuto all’ingestione accidentale di rifiuti. Inoltre, le microplastiche ingerite dagli organismi acquatici sono la causa principale del disequilibrio della catena alimentare e dell’intero ecosistema marino. Dai più piccoli pezzetti di plastica, dalle batterie per auto e macchinari sino alle più grandi reti da pesca, tutto questo entra quotidianamente, a tonnellate, nei nostri fondali. Dilaganti rifiuti marini sono rintracciabili persino nei punti più remoti dei fondali ed una volta sott’acqua  possono restarvi per generazioni. Dunque l’iniziativa nasce dalla passione per il mare e dall’amore verso il proprio territorio e si attua grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale di Nardò, in particolar modo del sindaco avv. Marcello Risi e dell’assessore all’ambiente Flavio Maglio, con il supporto tecnico del Diving Costa del Sud.  “Fondali Puliti” vede la determinante partecipazione di subacquei volontari ed è sostenuta dalla Capitaneria di Porto di Gallipoli, dalla Protezione Civile e dalla ditta Bianco Igiene Ambientale srl.

La raccolta delle adesioni ormai è stata chiusa il 12 Giugno ma chiunque vorrà, potrà seguire da vicino l’operato dei subacquei e assistere alla raccolta dei rifiuti marini.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDomenica 15 giugno, su RAI 1, Santa Messa domenicale trasmessa da Lecce
Next articleL’analisi Mondiale: Brasile ok con l’aiutino, fuochi d’artificio Olanda. Cambia la gerarchia delle favorite?