Una partita così e così

0
437

Tifosi U.S.LecceTaranto“Pecunia non olet” così rispose Vespasiano al figlio Tito che gli rimproverava di aver messo una tassa sull’urina dei cittadini romani; i soldi non hanno odore dunque, così come i punti raccolti a Taranto dopo una partita “così e così” giocata contro una squadra di volenterosi dilettanti.

Tre punti che, sommati a quelli ottenuti contro la Juve Stabia, fanno superare al Lecce nel migliore dei modi il periodo più difficile fin ora vissuto dai giallorossi che, alla vigilia della trasferta campana, sembravano quasi alle corde.

Ed invece eccoci in vetta alla classifica, da soli almeno fino a stasera, dopo aver regolato la Juve Stabia con una grande prestazione, che i tifosi salentini ricorderanno per sempre, ed il Taranto con una gara che gli stessi supporters hanno già dimenticato.

Il primo tempo della partita contro i cugini tarantini ha mostrato tutta la superiorità tecnica del Lecce nei confronti di una compagine di carattere ma assolutamente inadeguata al campionato che si trova a giocare per effetto di un ripescaggio; il gran gol segnato da Tsonev dopo solo 10 minuti di gara faceva prevedere una facile e tonda vittoria del Lecce ed invece tutto si è complicato nel corso del secondo tempo, affrontato dalla squadra giallorossa con sufficienza, compiaciuta del proprio valore. Una papera del portiere Gomis avrebbe potuto compromettere la partita se il gol fantasma fosse stato convalidato dall’arbitro (c’era?) oppure avrebbe dato la sveglia ai nostri che invece si sono accontentati di controllare il match senza nulla rischiare fino alla fine.

Ieri Padalino aveva messo in campo una squadra inedita, probabilmente per far rifiatare qualche giocatore e per mettere in gioco anche gli uomini della rosa quest’anno meno utilizzati dai quali ha ottenuto, tutto sommato, una risposta positiva.

Ora il Lecce deve andare avanti a testa bassa, consapevole  del proprio valore tecnico ma anche avendo coscienza della difficoltà di un campionato come la Lega Pro, sempre insidioso ed imprevedibile.