Sport, l’avvocato che opera nel calcio ora è libero di lavorare con le sue regole

0
646

Foto Roberto Nitto con arbitriDue giorni fa è arrivata la decisione del Consiglio Nazionale Forense (organismo supremo dell’avvocatura) che rispondendo ad un quesito posto dall’Associazione Avvocaticalcio ha esonerato gli avvocati dall’obbligo di iscrizione al registro FIGC e dall’obbligo di depositare in Federcalcio i mandati con le società e i calciatori.

Queste le parole dell’Avv. Roberto Nitto, Consigliere di amministrazione di Avvocaticalcio nonché responsabile del sodalizio per la Regione Puglia: “Una decisione dirimente frutto dell’attivismo dell’associazione Avvocaticalcio, del suo presidente Claudio Pasqualin e degli altri amici del direttivo. Finalmente un po’ di giustizia. La pubblicazione del testo l’Avvocato del Pallone e i vari Convegni organizzati a Coverciano, Novoli e Bari dalla nostra Associazione Avvocaticalcio hanno sensibilizzato e sicuramente hanno avuto un effetto traino anche ai fini del riconoscimento effettivo del nostro ruolo in ambito calcistico.”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, tutto su Suciu. Domani test con il Novoli
Next articleItalia, popoli di navigatori, poeti e tamarri: una carrellata di “murales” che ci mostra le scritte più assurde