Mister Corini al termine della gara contro il Cittadella: “Non siamo riusciti a portare l’inerzia dalla nostra parte, andremo a Monza per giocarci la promozione”

0
221
Corini

Lecce – Al termine della sconfitta contro il Cittadella, mister Corini si è presentato in conferenza stampa per commentare la gara: “Non penso sia stata una partita storta. Abbiamo incontrato una squadra difficile da affrontare. Nel primo tempo abbiamo giocato meglio, riuscendo velocemente a pareggiare la gara e creando presupposti per segnare ancora. Nel secondo tempo, dopo un approccio iniziale buono da parte nostra, loro sono stati bravi a respingere bene una ripartenza e Rosafio ha inventato una grande gol. Anche in quel momento abbiamo avuto due tre occasioni importanti con Majer, Meccariello, Stepisnki. Nei momenti determinanti, non siamo stati bravi a portare l’inerzia dalla nostra parte“.

C’è rammarico considerando anche i risultati dagli altri campi. ora, la partita di Monza diventa una finale: “I ragazzi erano delusi ma con una grande voglia di ripartire. C’è delusione per la nostra partita e pensando agli altri risultati abbiamo avuto una grande occasione. La classifica è cambiata, ora siamo tutte lì. Abbiamo mancato un’occasione. Siamo ancora in posizione per la promozione diretta e secondo me abbiamo tutte le caratteristiche per fare risultato a Monza. E’ un campionato aperto e ce la giocheremo. Il Monza lo abbiamo sempre considerato una diretta concorrente. Conosciamo l’importanza della gara di Monza perchè ora e lì. Avremmo potuto staccare ancora di più. Sarebbe stato importante andare lì in trasferta con un distacco uguale a quello che avevamo prima. Ora dobbiamo recuperare le energie fisiche e mentali per riprendere il nostro percorso. Dobbiamo sbollire la gara odierna e ripartire“.

Il mister ha commentato anche i cambi nel corso della gara: “Ho inserito uomini per mettere energia e ho pensato di mettere uomini di qualità come Mancosu e Paganini per dare vivacità. Avevo necessità di uomini che contrastassero l’energia e l’aggressività del Cittadella. Il campo si era allungato. Ho messo qualità in mezzo con Tachtsidis per migliorare il palleggio, Paganini per cercare la spizzata sul secondo palo e Marco sulla trequarti. Mancosu e Paganini era da un po’ che non giocavano ma sono entrati senza difficoltà, li ho visti bene“.

Sui primi due gol, c’è forse qualche responsabilità da parte del reparto difensivo: “Sul primo gol, avremmo dovuto contrastare meglio. Un calcio dal limite e con deviazione. Sul secondo gol, abbiamo dato molto spazio. Non siamo riusciti ad accorciare e dispiace perchè avevamo noi il pallone. Rosafio ha trovato una giocata fantastica. Lavoriamo molto sui tiri dal lungo, però, quando trovi giocatori brevilinei e bravi è difficile dare la colpa a qualcuno. Sul terzo gol, abbiamo perso palla in uscita e sono riusciti ad arrivare a rimorchio con Proia e hanno chiuso la gara“.