Lecce-Bassano: le pagelle. Surraco decisivo, Caturano cinico

0
361

Lecce– Con un 3-0 al Bassano il Lecce conquista la semifinale play-off e si scrolla di dosso un po’ di tensione accumulata nel finale di campionato. Il risultato però non rispecchia appieno l’andamento del match, sbloccato al 10’ dal rigore trasformato di Moscardelli dopo un break di Surraco che ha causato anche l’espulsione del portiere veneto Rossi. In inferiorità numerica, la squadra di Sottili non ha tirato i remi in barca, continuando a proporre calcio mettendo a tratti in difficoltà la difesa leccese. Nella ripresa, il calo del Bassano ha permesso il cambio dell’inerzia alla partita, e il 2-0 di Salvi ha abbassato i toni del match, smorzati ulteriormente dal 3-0 di Caturano nel finale.

Perucchini 6,5: Il Bassano preme molto anche in inferiorità numerica, ma i sussulti per il numero 1 giallorosso non arrivano in quantità industriale. Bravo a chiudere lo specchio a Piscitella sul tramonto del match.

Alcibiade 7: L’anticipo su Pietribiasi pronto a battere a rete ha il peso specifico di un gol. Resta in controllo per tutta la durata della partita.

Cosenza 6: Incappa in un’ammonizione evitabile per un battibecco con Cenetti. Nel secondo tempo scioglie tutte le riserve maturate nel primo tempo dopo qualche azione pericolosa degli avversari. Dice no più volte al pericoloso Pietribiasi.

Abruzzese 6,5: Il più roccioso del trio difensivo. Non si scioglie nel momento di maggiore intensità degli avversari e comanda con sicurezza il reparto

Lepore 6,5: Il Lecce si poggia spesso su di lui per le azioni offensive. Mette ottimi palloni al centro e suda sette camicie per sopperire alla velocità dell’asse sinistro del Bassano.

(39’st Beduschi SV)

Salvi 7: Il destro terrificante con il quale firma il 2-0 è l’espressione della voglia che ci mette in ogni partita. Corre tanto e bene per tappare tutti i buchi e mostra i denti più volte quando il Bassano tenta di primeggiare in mediana.

Papini 6,5: La sostanza del centrocampo del Bassano lo mette in difficoltà quando si tratta di difendere. L’ex Carpi però ripaga bene con l’assist taglia-difesa in occasione del rigore e con una prestazione esperta.

(21’st De Feudis 6: Entra per gestire in scioltezza i tempi del gioco.)

Legittimo 6,5: Stantuffo inesauribile. I suoi recuperi sono preziosissimi quanto le ripartenze che alimentano molte azioni offensive.

Doumbia 6: Evanescente all’inizio, sicuro quando Braglia ordina l’arretramento del baricentro per poi colpire in contropiede. Nella ripresa fa la differenza, soprattutto per le boccate d’aria che concede ai suoi compagni dopo ogni folata.

Moscardelli 7: Non riesce ad incidere nel primo tempo dopo la fredda trasformazione del penalty, debordante nella ripresa quando delizia il “Via del Mare” con tante magie.

Surraco 7: Spacca la partita con lo scatto che provoca l’espulsione di Rossi, è una sicurezza quando si tratta di gestire il pallone. Fa respirare il Lecce  Decisivo come non mai visto l’andamento del match.

(32’st Caturano 6,5: Re Mida colpisce ancora. Si muove bene in un modulo che non è il suo e segna il gol della sicurezza.)

All. Braglia 6,5: Il Lecce della prima frazione, nonostante il vantaggio, è contratto e incapace di costruire in velocità. Il calo del Bassano e una maggiore sicurezza acquisita in campo consente poi la prestazione sostanziosa che ha portato alla meritata vittoria. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCavallino, aggredita Manuela Sparapano al margine di un comizio elettorale. La solidarietà di Paolo Pagliaro (FI)
Next article‘Io Gioco legale’: all’Università del Salento si parla di sport e di etica. Un convegno e incontri calcistici per educare alla legalità