Giro d’Italia, la Puglia padrona di casa per due giorni

0
288

giro ditaliaBari – Ieri la carovana del giro d’italia è sbarcata a Bari, di rientro delle prime tre tappe disputate in territorio estero. Due aerei, poco dopo mezzogiorno, sono atterrati con tutti i corridori e il loro personale al seguito. La corsa rosa veniva da Dublino e tra i tanti successi si sono vissuti attimi di terrore per il rinvenimento di un ordigno esplosivo.

Domenica la polizia irlandese ha trovato una automobile-bomba con targa nordirlandese, con 22 chili di esplosivo a base di fertilizzanti, collegata a un timer e pronta a esplodere, nel parcheggio vicino a un lussuoso albergo di Dublino, il Finnstown Country House. Secondo gli inquirenti, il bersaglio poteva essere proprio il Giro d’Italia.

Dopo la giornata di riposo i ciclisti hanno affrontato la tappa Bari – Giovinazzo, 112 chilometri  in pianura, da percorrere a tutta velocità, tappa per velocisti.

Con l’arrivo del Giro d’Italia nel nostro paese torna la scorta della polizia stradale. I motociclisti della polstrada garantiranno la sicurezza della gara e 40 operatori, di cui 26 motociclisti, 12 operatori in auto e 2 operatori a bordo di un’officina meccanica mobile. Sono tutti contrassegnati dalla particolare targa “Polizia Stradale – Giro d’Italia” e si avvalgono della collaborazione di altre 500 pattuglie che presidiano il territorio.
Al seguito del Giro anche due “pullman azzurri” della polizia di Stato, con l’aula scolastica multimediale itinerante per la sicurezza stradale e uno staff di 7 operatori. Ultima tappa sul territorio pugliese quella di Taranto del 14 Maggio, 203 chilometri di media montagna, che arriverà a Viggiano in provincia di Potenza. La corsa proseguirà fino al 1 Giugno con arrivo nella suggestiva città di Trieste.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAmministrative 2014 – Campi salentina, i droni di Massimo Como contro i telescopi di Egidio Zacheo
Next articleLa voce degli Angeli: quinta edizione del festival