“OPERA EUROPA DAY” domani a Lecce

0
404

13081696 10207741550275575 1566279139 nLecce – Nella “Giornata Europea dell’Opera” il Conservatorio “Tito Schipa” propone domani 8 maggio, ore 19.30, nel salone della Biblioteca “Roberto Caracciolo” di Lecce, un recital lirico a cura del soprano ADRIANA DAMATO e di ROBERTO CORLIANÒ al pianoforte.

La serata si aprirà con l’aria di Vitellia “Non più di fiori, vaghe catene”, dalla Clemenza di Tito (1791) di Wolfgang Amadeus Mozart. Divorata dall’ambizione del trono e colma di rabbia vendicativa contro Tito, l’inquieta figlia del defunto imperatore Vitellio è il vero motore di questo statico “dramma serio” per musica, trasognata nel delirio, sublime nel sentimento tragico della morte. Seguirà la Fantasia per pianoforte in do min. K 475 (1785) di Mozart, nei tempi Adagio, Allegro, Andantino, Più Allegro, Adagio. Di norma proposta come introduzione alla Sonata K 475, come suggerito dall’autore in una lettera, questa fantasia fu espressamente concepita per il fortepiano con dedica a Therese von Trattner, allieva del maestro dal 1782, secondo quanto riferì la vedova Constanze. Sarà poi la volta della cavatina di Giovanna “Sempre all’alba ed alla sera”, da Giovanna d’Arco (1845) di Giuseppe Verdi: svegliatasi da un sogno popolato da spiriti sia malvagi sia benevoli e recatasi come sempre alla cappellina della Vergine, dove ha trovato le deposte armi del re Carlo VII, l’eroina annuncia che intende combattere contro gli inglesi invasori del territorio. Il programma proseguirà con l’aria di Elettra “D’Oreste, d’Aiace”, da Idomeneo re di Creta (1781) di Mozart. Per voce dell’oracolo, Idomeneo deve rinunciare al trono in favore di Idamante che sposerà Ilia e poi regnerà in luogo del padre. Imprecando, la furente Elettra fugge. 

 La seconda parte del concerto si aprirà con “Ecco: respiro appena… Io son l’umile ancella”, da Adriana Lecouvreur (1902) di Francesco Cilea, dramma della grande attrice francese mirabilmente presentato fin dal suo primo ingresso in scena. Concepita ed eseguita al pianoforte da Roberto Corlianò, Reminiscenze di Tosca è una fantasia di temi dalla celebre opera di Giacomo Puccini che prelude all’ascolto di “Vissi d’arte”, romanza di toccante intensità dal II atto di Tosca (1900): incredula dinnanzi alla propria sventurata storia d’amore, la protagonista si rivolge supplichevole a Dio. La serata si chiuderà con Reginella (1917), musica di Gaetano Lama su versi di Libero Bovio. Questa canzone dolcemente malinconica narra di un amore che ormai appartiene al passato e di una ragazza che ha cambiato del tutto la sua vita: ora è diventata una sciantosa, frequenta ambienti raffinati, veste scollata e parla francese. Grazie alla grande Gilda Mignonette, che per prima la esportò all’estero, Reginella divenne subito un successo mondiale, una canzone speciale che merita un posto d’onore nella gloriosa storia della canzone napoletana.

INGRESSO LIBERO

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce-Lupa Castelli Romani: le Pagelle. Moscardelli e Liviero sugli scudi
Next article#Amministrative2016:Trepuzzi, allora… ricapitolando