Nardò apre le porta alla musica jazz e presenta il suo giovane musicista

0
322

William GrecoNardò (Le) Domani sera, 19 novembre, alle ore 19 a Nardò, presso la sala conferenze del Chiostro dei Carmelitani, sarà presentato il disco del musicista neretino William Greco dal titolo “Corale”.

L’evento è stato organizzato dalla libreria “I volatori” in collaborazione  con il Centro servizi culturali e bibliotecari della città di Nardò. Il disco “Corale” è stato presentato presso la Feltrinelli di Lecce lo scorso 5 ottobre e da quella data è disponibile nei negozi di dischi e nei digital store e la produzione è a cura  della Workin’ Label Ird distribution.

Nella realizzazione di questo primo lavoro discografico, William ha cercato di modellare un percorso frutto della sintesi naturale di tutte le sue esperienze musicali, dalla musica classica al jazz.

Il pianista salentino concepisce tutta la musica fortemente legata al canto; a questa concezione musicale è affine il titolo del disco: “Corale”, che è anche il titolo di una delle composizioni originali. La sezione ritmica è affidata al contrabbassista Marco Bardoscia e a Massimo Manzi. Collaborano alle registrazioni del disco il sassofonista Raffaele Casarano e la voce di Carla Casarano nella title track.

All’interno del disco, composto prevalentemente da pezzi originali, William ha inserito tre Standard della tradizione afroamericana: “Cherokee”, “My little suede shoes”e “Oh que serà”.

Durante la serata interverrà l’assessore alla cultura del Comune di Nardò, Mino Natalizio e dialogherà con l’artista il giornalista Giuseppe Tarantino.

Ricordiamo, inoltre, che Domenica 22 Novembre 2015, il disco verrà presentato presso il Teatro Comunale di Novoli.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGli Aeren al New Sounds Music Contest per raccontare la loro Taranto in chiave alternative rock
Next articleNew Sounds Music Contest: Paise Miu presenta i Blumia e la loro musica indipendente