#Regionali2020 – Paolo Pagliaro al rush finale: sette nuovi comitati elettorali inaugurati negli ultimi tre giorni

0
22

Continua, instancabile, la corsa di Paolo Pagliaro all’elezione a consigliere regionale nella tornata elettorale in programma i prossimi 20 e 21 settembre 2020.

Almeno sette (di cui soltanto tre a Parabita) le nuove sedi dei Comitati Elettorali a suo sostegno in questa campagna elettorale che lo vede candidato al fianco di Raffaele Fitto nella lista La Puglia domani.

Da Taviano a Casarano, a Parabita e poi anche Nardò e Salve. Decine se non proprio centinaia gli uomini e le donne che affiancano Pagliaro in questa sfida in cui si misurerà  con l’elettorato e per cui sta investendo tempo ed energie, forte della sua navigata esperienza e del suo impegno nel sociale e nella politica in generale.

Salvatore Mauro, Piero Tunno e Fernando Serra, hanno curato l’apertura del comitato elettorale di Taviano; Massimo Toma, Gabriella De Micheli e Lucia De Donatis  si sono adoperate per la sede di Casarano; così come a Parabita dove le sedi sono ben tre; e poi, ancora, a Nardò con Mino Filograna, insieme al vice coordinatore del Movimento Regione Salento, Marco Chiffi ed a Romina Alemanno, Nicoletta Ramundo, Katia Colomba e Mario Colombo. Fino a Salve, nell’evento organizzato dal coordinatore cittadino del MRS, Nicola Passaseo, insieme all’intero direttivo locale.

Paolo Pagliaro prosegue, dunque, speditamente il suo giro nei comuni della provincia di Lecce, raccontando a tutti la sua voglia di restituire dignità al Salento, terra per cui si impegna da sempre, terra per cui ha combattuto ogni battaglia utile contro le ingiustizie: da Tap alle Trivelle, all’Aeroporto del Salento, contro l’eolico e il fotovoltaico senza programmazione alcuna, per avere Infrastrutture e collegamenti, contro ogni forma di inquinamento.

“Le cose devono cambiare – sostiene ovunque vada, Pagliaro – perché l’Italia non finisce a Bari, l’Italia comincia a Leuca”. E aggiunge:”Progettare, ideare, trovare soluzioni ai tanti problemi e dunque combattere insieme per ridare dignità a questo territorio è diventata una missione speciale. Per trasformala da sogno a realtà ci sono solo le urne”.