Lecce, degrado al Palazzetto dello Sport. Messuti (Sentire Civico): “Farò interrogazione al dirigente comunale per avere risposte in merito”

0
144

Lecce – Degrado e abbandono: in questo stato verserebbe, oramai da molto tempo, il Palazzetto dello Sport in piazza Palio a Lecce. Sull’argomento è intervenuto, in queste ore, il Responsabile Provinciale di “Sentire Civico”, Giancarlo Capoccia.

“Il palazzetto di Piazza Palio – scrive Capoccia in una nota diffusa agli organi di stampa – purtroppo continua ad essere considerata una struttura sportiva di secondo livello dall’attuale amministrazione, nonostante in realtà sia l’unico contenitore nel quale possono trovare accoglienza le associazioni sportive. I servizi pubblici sono totalmente inagibili, con i sanitari a pezzi e divelti, mentre i servizi destinati alle squadre hanno da mesi le docce rotte. Il parquet non viene manutenzionato e, con l’arrivo della pioggia, ecco puntuali le temute infiltrazioni d’acqua dalla copertura che lo allagano. Inoltre, a causa della mancanza improvvisa dello storico custode, la struttura ha perso chi, giornalmente, ne curava il decoro. Ad oggi inoltre – continua Capoccia –  le associazioni sportive non hanno ricevuto comunicazione e calendario per l’utilizzo della struttura per gli eventi 2108-19.

Giancarlo Capoccia e Gaetano Messuti

Questo è il segno di rinnovamento che tanto si millantava? Perché a Lecce lo sport non è considerato cultura? Perché l’attuale amministrazione non ha capito che attraverso lo sport si può educare un Paese? Gli antichi greci lo consideravano palestra di vita. Per gli americani è il luogo del riscatto sociale. E per noi? Lo sport vero, quello che insegna il sacrificio e il rispetto è uno dei motori che dovrebbe stare alla base di ogni società democratica e istruita. «Frasi fatte», direte voi? Ebbene sì, frasi fatte che questa politica non ha voglia di ascoltare”.

“Prendo atto di quanto evidenziato da Sentire Civico” aggiunge Gaetano Messuti, Consigliere Comunale a Lecce “e mi farò promotore di una interrogazione a risposta scritta al dirigente, in modo che cittadini ed associazioni possano avere delle dovute risposte in merito alle problematiche evidenziate”.