Novoli, linea dura del Sindaco De Luca contro chi viola le regole della zona rossa: multe a parrucchieri e incivili

0
1196

Novoli (Le) – Dura lex, sed lex: così recitava l’antico detto latino per indicare quanto, nonostante una regola potesse sembrare severa, intempestiva se non addirittura inopportuna, era comunque una regola che la comunità si era data per la salvaguardia del bene comune e andava dunque rispettata.

L’eco degli antichi risuona, oggi, fra le vie e le piazze del paese nord salentino dove il sindaco, Marco De Luca, in una nota sul suo profilo social, fa sapere ai suoi concittadini che non ha esitato (né esiterà per i giorni a venire) ad usare il pugno duro contro i furbetti che, incuranti delle leggi in vigore sul territorio, continuano imperterriti a trasgredirle credendo di restare impuniti.

In questi giorni la conferma che così non è giunge proprio attraverso il servizio postale o il messo comunale che sta notificando a diversi parrucchieri le multe (a loro ma pure ai loro clienti colti in flagranza) per essere contravvenuti ai divieti imposti dal DPCM per la lotta al Covid-19.

“La pazienza è finita – scrive Marco De Luca -. Grazie all’attività di controllo della Polizia Locale di Novoli e alle segnalazioni dei cittadini novolesi, abbiamo notificato le prime multe a diversi parrucchieri che stavano violando le regole della zona rossa.
Si tratta di un comportamento che non solo danneggia chi rispetta le regole, ma che rischia di mettere in pericolo la salute di tutta la comunità. Un atteggiamento da veri irresponsabili, anche da parte dei clienti, multati a loro volta.
In più, abbiamo anche individuato diversi automobilisti che continuano a gettare rifiuti nelle campagne.
È incredibile che nel 2021 siamo ancora nelle condizioni di dover fare fronte a queste situazioni che rappresentano un danno per l’ambiente e per noi stessi.
Invito tutti a continuare a segnalare queste situazioni, grazie!”

E dai banchi dell’opposizione risuona il monito contro gli incivili che inquinano l’ambiente (con tanto di servizio fotografico al seguito): “Nei boschi le bestie non sporcano ma gli uomini sì. Si prega di comportarsi come le bestie. Grazie. Novoli, 6 aprile 2021. Degrado e tristezza altro che COVID”.