Copertino: sintesi degli scenari politici sul finire dell’estate

0
353

Copertino (Le) – Lentamente l’estate va sfumando i suoi caratteri e a Copertino già in questi giorni si registrano i primi ritorni al lavoro. È sicuro che dalla prossima settimana in molti saranno all’opera. Sicché, per forza di cose, presto si riaprirà l’attività politica che nei giorni del solleone e fino ad oggi pare si sia sopita. Ovviamente, ciò solo apparentemente. Il grande pubblico copertinese in questi frangenti ha riposato, ma i personaggi cardine della politica, indisturbati, hanno portato avanti e messo a punto le loro strategie per affrontare l’ultimo scorcio dell’anno, in cui si accederà a questioni molto delicate e connesse alle elezioni amministrative del 2019.

Al riguardo, non si hanno indicazioni certe, ma molti sono gli indizi su quali saranno gli schieramenti in campo circa l’elezione a sindaco. C’è chi vorrebbe il nuovo, l’incontaminato, lontano dalla vecchia politica, non legata alle logiche affaristiche della Seconda Repubblica e chi tesse invece, relazioni funzionali per far quadrare il cerchio.

Al di là di ciò, molto probabile è la discesa in campo, per una rielezione, del Sindaco uscente, ovvero Sandrina Schito: donna dalle molte qualità, soprattutto oratorie, affabulanti, ma con un retroterra culturale umanistico, e dunque, poco avvezza alle questioni giuridico-economiche e manageriali che richiede la conduzione di un comune, soprattutto come quello di Copertino, tra i più popolosi della provincia di Lecce. Certamente, qui l’esperienza pregressa gioca a suo favore.

Secondo sue dichiarazioni pubbliche, certa è invece la candidatura di Vincenzo De Giorgi: giovane molto conosciuto presso la comunità copertinese con buona formazione economico-manageriale, ma, al contrario della Schito, blanda si presenta la sua formazione umanistica, che si riverbera su una verbalità non del tutto incisiva. Certamente, il De Giorgi presenta una compagine importante e buone sono le sue aderenze con l’entourage di Emiliano, sul quale, tuttavia, gravano questioni non del tutto sopite circa l’argomento incentrato sulla Missione Arcobaleno.

Questo è il noto. Il meno noto è legato ai pentastellati, che godono di un enorme consenso sociale. E’ il fronte del NO alla vecchia politica fatta di collegamenti, addentellati, connessioni e costruzioni di vario genere. Qui la situazione è incerta. Ma c’è di più. Anche Valore Assoluto, su dichiarazione del suo segretario, Antonio Iaconisi, sosterrà, in accordo col presidente, la candidatura a sindaco di un uomo lontano dalle vecchie regole, un professionista accreditato e attempato, che sappia coniugare tecnicismi e comunicazione.

Nei tratti salienti, è questo lo scenario politico copertinese, prima dell’apertura del dibattito cittadino d’autunno. Uno scenario complesso per una cittadina che presenta problematiche articolate, dove molti sono i nodi irrrisolti e diverse sono le questioni tecnico-amministrative aperte.